Apr 24, 2024 Last Updated 9:23 AM, Dec 12, 2023
Virginia Cortese

Virginia Cortese

Giornalista pubblicista

Appassionata e onnivora lettrice

Considero i libri come finestre sulla vita, da aprire costantemente per imparare come comportarsi sulle strade del mondo.

I miei libri guida sono La Nausea di Sartre, Amore Liquido di Bauman e Il Libro del riso e dell’oblio di Kundera.

Mi piace contemplare e vivere il Bello, perché sono convinta che sia davvero l’antidoto al male. Adoro l’arte, la corrente espressionistica è senza dubbio quella che mi rappresenta in modo totale, il mio quadro del cuore è Notte Stellata sul Rodano di Van Gogh.

Una visione romantica e di prospettiva sulle cose non può esulare dal ri-conoscersi in un’opera lirica, la mia è La Bohème di Puccini.

Ascoltare 1

Delicato come un’orma sulla sabbia di settembre.

Come un uomo che s’incammina su una traccia assente di destino.

Come un sorriso che non costa che una moneta di silenzio.

Il Mare Nostrum di Fresu, Galliano e Lundgren è un ticchettio di domande senza tempo.

Ha l’unica pretesa di accompagnare con eleganza.

Non interroga e non scombina.

Fertile e sagomato.

Amaro come un frutto che non si vuol assaporare.

Dolce come l’aroma delle stanze felici.

Avvolgente come una distanza, freddo come un abbraccio, inesorabile come una rotta condivisa.

Non ha il senso del certo in sé, ma libera e ammalia.

Fluido sguardo d’infinito, ridotto viso dell’eterno.

Impartisce il perdono di una carezza e non cede alla lusinga dell’umana riduzione del bello.

Ha riflesso accecante e prospettiva distratta.

Si compiace di un’arte di sostanza.

Sospende e spinge oltre.

Definisce il vero nella dissolvenza dei paradossi.

Virginia Cortese

Etichettato sotto

Mango

 

Un richiamo antico come le mura dei palazzi che abita.

L’essenza degli elementi si fonde nella magia di un racconto che non ha fine, né un distinto principio.

È il mare che lo cela.

Ne dona una eco al tramonto. Una maliziosa nostalgia all’alba.

È l’armonia di un banchetto d’estate, illuminato dalla luna e scandito dalle sue maestose onde, a renderlo così prezioso.

Ha l’ambizione dell’infinito e conversa con Dio, mentre sbuccia le arance della terra di un sole presente.

Ha lo sguardo verso il suo limite, sulle lingue di terra, sulle rocce maestose, sul passo di uomini distratti e incerti.

È un invito all’abbandono.

A lasciarsi attraversare, nel silenzio mai stanco di una voce alta. Che dall’alto guarda quel suo Mediterraneo.

 

{youtube}B1IW7k7UVPg{/youtube}

 

di Virginia Cortese

Etichettato sotto

asc DeAndre

L’incontro dei sensi nel capolavoro siglato De André ha un fascino tagliente e lucido come la cattiveria.

La speranza, matrice dominante, termina nella disillusione nuda.

Non consola e non concede diritto di replica.

La si potrebbe accostare all’incalzare delle stagioni: reca in sé il profumo delle notti d’estate, i canti primaverili, le improvvise tempeste autunnali e il gelo degli inverni non richiesti.

Non v’è dominio razionale che possa districare un battito scomposto del cuore.

L’attesa è tanto più elevata quanto la visione è pura.

L’universale scena è palcoscenico che non interferisce, accompagna il vissuto, ammorbidisce i passi e infine richiude le feritoie.

Di equilibri e di sostanza, di cartoline e di stanze.

Non turba il divenire. Osserva i miracoli ripetersi e raccoglie i frammenti dei mosaici di luce e buio.

Virginia Cortese

Etichettato sotto

 

ornella vanoni


Un conto in sospeso può pesare fin troppo.

Un conto in sospeso con se stessi è un macigno che non si smaltisce.

Spetta a chi ha l’onesta attitudine al bilancio, tuttavia, richiamarsi all’interno di una reale ricostruzione.

Necessaria, se la coerenza vuol attestarsi come baluardo d’essenza.

Al di là del rimpianto per il non detto, della consapevolezza dell’effimero tempo della vanagloria, del commesso errore nella spensierata accettazione di un istante di felicità, la presenza silenziosa di un ego che conosce e sovrintende, non ha che logiche conseguenze.

Nel dualismo sentimentale, il perentorio dare/avere può presentarsi come una bilancia con equilibrio scomposto, luce diagonale sulla speranza di un ritorno.

Anelato e forse no.

Una sproporzione la cui analisi disaffeziona la coscienza, la ammalia e la rende schiava.

Ma a cosa serve una libertà senza la lucidità nella sua gestione?

È un nulla nel cosmo delle declinazioni d’amore.

Il faro illumina la strada dell’effettivo.

Chiude il cerchio dei concetti.

{youtube}v=kK5D80auEeA{/youtube}

Virginia Cortese

 

Etichettato sotto

francobattiato 1

Pura e lenta come i quadri lunari.

Un fascio di ombre di cristallina visione.

Non ha l’ambizione della mistica iconografica, la sublime rappresentazione di lode del Maestro Battiato, nel capolavoro dell’oceano di Silenzio.

Una carezza floreale che non conosce limite perché non si definisce. Lascia solo l’autentico respiro. Perché incontra.

Abbandona l’affannoso tratto del Destino, per congiungere l’Io senza tempo con il Tempo. Per comprendere lo Spazio che non si abita ma che si tratteggia con cuore lieve.

Non ha necessità di rivelazione ma solo il brio della scoperta.

Sono aurore di pensiero quelle che echeggiano.

Consolatorie interfasi nel firmamento senza leggi.

Le voci non s’impongono; sono molecole di suono, in equilibri di perfezione.

Maestosità con il volto ultimo di chi guarda e disegna. E dipinge le esistenze.

Virginia Cortese

Etichettato sotto

Commenti