Home

Cinema

Cinema a Giugno
    IO DANZERO' Loïe Fuller, adolescente irrequieta che legge Shakespeare e tira col lazo, cresce col padre nel West americano. Alla morte violenta del genitore ripara in città dalla

Racconti Inediti

La porta sulla strada
Ero un bambino vivace e sempre allegro, e d'estate mi piaceva uscire di casa negli assolati...
Read more

Fotografare

  • 1
  • 2
Mi piacciono le persone folli, profumano di vita!
Giada Ruggeri è l’autrice di questo bellissimo scatto dal titolo “Mi piacciono le persone folli,...
estate
Spiagge, mare, sole, incontri. L'estate è la stagione del divertimento e del relax e può...

Contest

Lunedì, 05 Giugno 2017 15:10

Torri di carta e luoghi di parole

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

editoriale 1

Torino. Salone internazionale del libro. Il luogo dei luoghi. E’ maggio inoltrato, l’aria profuma, i colori della gente riempiono il piazzale antistante il Lingotto. Le code chiassose che attendono con pazienza sotto il sole già caldo di una primavera già esplosa, mi dicono che la trentesima edizione della Fiera del libro più importante d’Europa sta decretando un grande successo.

Una conferma che raccolgo entrando, aspettando anch’io nella fila dello sportello dedicato alla stampa, e aspettando ad ogni fila che si forma all’ingresso delle aree dedicate alle presentazioni, davanti agli stand degli editori, davanti al firma copie di turno, davanti ai bar. C’è grande attenzione per l’evento che ha rischiato di perdere lo scettro e che a conferma della sua grandezza presenta un cartellone pieno zeppo di eventi.

editoriale 2

Cinque giorni di un gran movimento che ha fatto registrare un’affluenza che stempera le paure diffuse dalle statistiche dell’Istat sul numero sempre più alto dei non lettori. E che accentra sulla metafora dei luoghi la sua stessa sostanza. Andare “Oltre il confine”, il claim del Salone, ha posto le basi per aprire un dialogo sull’importanza dei luoghi intesi come luoghi di narrazione. Non a caso al centro della piazza dei lettori si ergeva una imponente torre fatta di libri, carta e parole che si inerpicavano fino al soffitto del padiglione, dalla quale sembrava di sentire tutte le voci raccolte in quelle pagine. Non solo un simbolo, ma il luogo dei luoghi intorno al quale riunirsi per scambiarsi storie, condividere racconti, inventare nuovi mondi. Il Salone è dunque il luogo dei luoghi di Tolstojana memoria, perché è un luogo che parla da sé e non occorre avere lo sguardo critico per capire che Torino è il luogo della narrazione per eccellenza.

editoriale 3

Una sorta di racconto che non ha smesso di fluire, è che ha permesso di raccogliersi intorno alla riflessione sulla funzione dei luoghi e dei libri. “I libri sono come arche di Noè: custodiscono le storie del mondo che altrimenti andrebbero disperse”, un’affermazione dello scrittore Giuseppe Lupo intervenuto alla presentazione del libro di Mimmo Sammartino, Il paese dei segreti addii, Hacca editore, nello stand Matera 2019. Espressione felicissima che fissa in poche parole il senso del Salone: finché ci sono centri di studi, di lettura, di scrittura i luoghi non moriranno mai perché diventeranno essi stessi luoghi di narrazione. Dunque il libro diventa quel luogo d’eccellenza che permette di conoscere il mondo e di mettersi in relazione con esso. E’ quel prodotto dell’uomo che da solo consente di creare uno speciale rapporto tra il lettore e l’universo raccontato. E il valore del Salone del libro di Torino sta nell’aver saputo raccogliere questi preziosi frutti e creato intorno al raccolto lo spazio più bello della letteratura aperto alla condivisione.   

Eva Bonitatibus

Letto 426 volte

Appuntamenti di Gocce

Editoriale

  • L’estate è tornata

    editoriale 1

    Riemergo dopo una lunga immersione. L'aria rientra prepotentemente nei polmoni e il respiro trattenuto in una bolla ormai satura esplode dopo la risalita. Apro gli occhi, lascio scivolare l’acqua del mare sulle ciglia, sul viso, sulla bocca, metto a fuoco a fatica. Sento il sale. Sarà il mare o saranno le lacrime. Mi rilasso, o cerco di farlo. Immergo il mento mentre il corpo diventa leggero e si allunga sotto il pelo dell’acqua. Guardo la superficie piatta del mare che mi avvolge nella sua sostanza densa e mi sostiene. Da questa posizione la rotondità della terra mi sembra più accentuata. Mi piace far parte della sfericità del momento. Respiro.

    Leggi tutto...

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore