logo2017

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

LOGO B 2 1

Martedì, 23 Dicembre 2014 10:04

Canto di Natale e il cammino verso se stessi

Scritto da 

 

scrivere2

Canto di Natale (A Christmas Carol) è la più classica delle storie natalizie. Romanzo breve di genere fantastico del 1843, dalla penna di Charles Dickens, è stato reinterpretato al cinema e al teatro, utilizzato anche a scopo didattico e rivisto in chiave fumettistica oltre che nella più tradizionale delle vesti letterarie.

 

 

L’opera rappresenta una finestra di tempo, senza tempo.

 

Si rinviene in senso più ampio, lo spaccato di una Londra cieca e costellata da analfabetismo, povertà e sfruttamento minorile. Un’immagine fin troppo vivida di quanto ancora non sia cambiato nel mondo. È forse proprio questo il trait d’union.

 

Oltre a ciò, si attesta come espediente ideale, usato dall’autore per criticare le faglie di una società arretrata e brutale, soprattutto nei confronti dei più deboli. Per contro, non manca di offrire uno spiraglio di speranza e quindi di luce finale.

 

Il burbero protagonista, Scrooge, ricco finanziere, avaro al punto da non vivere se non in funzione della sua satolla cassaforte di denari e fortemente opposto all’idea del Natale, si converte di fronte a un’evidenza cristallina e inconfutabile che gli si manifesta per il tramite di tre fantasmi che vanno a turbare la sua personale notte di Natale.

 

L’amico e socio in affari, Marley, morto, gli appare per primo per introdurre quello che sarà un “cammino onirico” di analisi del dolore e redenzione.

 

Il riflesso del Natale Passato gli propone cartoline della sua infanzia, desolata d’affetti; non ha che il nipote Fred al suo fianco, ma l’opposizione al ragazzo è totale, tanto da fargli rifiutare tutti i suoi inviti a trascorrere le festività in famiglia.

 

scrivere 1Il Natale Presente lo fa ridestare dopo ore di cupa disperazione e terrore. Scrooge si ritrova a osservare la famiglia di Bob Cratchit, suo lavorante, sfruttato, maltrattato e non pagato come si converrebbe, con un figlio gravemente malato al quale non può garantire le cure.

 

La nebbia accoglie il Natale Futuro, accompagnatore silenzioso e triste. Il vecchio brontolone vede la proiezione del suo funerale, momento in cui subisce lo scherno di quanti lo hanno conosciuto nella vita.

 

Al risveglio, scopre con sollievo di essere in tempo per rimediare. Va per strada e fa doni, consente al piccolo Tim (figlio del suo dipendente, al quale corrisponderà finalmente uno stipendi dignitoso) la guarigione e soprattutto accoglie finalmente l’invito del nipote Fred.

Un circolo che si chiude. Un lieto fine di senso, che vale come auspicio generale.

 

 

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 280 volte
Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Devi effettuare il login per inviare commenti