logo2017

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

LOGO B 2 1

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 579
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 581

Scrivere

scrivere ilgiallo1

Sono quasi le cinque del mattino e un giovane giornalista affetto da insonnia passeggia per i vicoli di Napoli cercando di quietare la propria ansia. Sul più bello si trova davanti ad un orso marsicano disteso a pancia all’aria completamente immobile. Che sorpresa! Che ci fa un animale di tale dimensioni nei quartieri spagnoli? E soprattutto come ci è arrivato? E da dove? Dorme o è morto? E se è morto, chi lo ha ucciso? E perché? Un avvertimento di camorra? Un incidente? Il groviglio dei quesiti che si affastellano nella mente di Tony Perduto, questo il nome del cronista freelance, e dei lettori del giallo di Antonio Menna, giornalista napoletano anch’egli, intitolato Il mistero dell’orso marsicano ucciso come un boss ai quartieri spagnoli, Guanda editore, fa crescere la tensione. E il sonno è “perduto” per sempre.

E così il protagonista della storia si mette sulle tracce dell’orso cercando di sbrogliare l’intricata matassa. La sua curiosità, mista al desiderio dello scoop giornalistico, lo conduce ad esplorare ambienti e storie sconosciute della città. Si inabissa nella Napoli sotterranea e uno strano stupore accompagna la sua ispezione nei cunicoli bui della sottocittà. Viene a conoscenza di fatti di camorra del passato e si documenta sulla famiglia De Concito, un boss, un grande costruttore che tornò dall’America per dominare la vita economica di Napoli. Ora ci sono i suoi figli a mantenere la villa signorile fatta costruire dal padre John De Concito, una struttura imponente immersa in un parco nel quale una volta, si racconta, c’era anche una tigre. Esce fuori anche il nome di un altro camorrista, don Ciccio Martino, il boss dei mercati ortofrutticoli morto in carcere per tumore. Cosa c’entra questi personaggi con la morte dell’orso? Il giallo diventa noir e Tony si trasforma in un investigatore. E cominciano i suoi problemi.

scrivere ilgiallo2Aiutato da una amica di nome Marinella, forse qualcosa di più che una semplice amica, Tony si addentra nel mistero e scopre tante verità che lo conducono dritto dritto alla soluzione del crimine. Passando per lo zoo vicino Napoli e per il circo di Renato Orfeo in quei giorni in città, rischia la pelle e nonostante il motorino incendiato come forma di avvertimento, prosegue la sua ricerca. 

Il romanzo è divertente e i colpi di scena orchestrati sapientemente dall’autore riempiono le pagine di verve ed ironia. La descrizione dei personaggi che circondano la quotidianità del protagonista regalano affreschi di pura napoletanità. Non solo. Antonio Menna dipinge una città che non è solo quella della camorra che uccide e macchia di sangue le strade. E’ una Napoli dalle tante sfumature e dai suoni che ne riempiono le strade. E’ una città che sa raccontarsi, che ha il sapore delle tradizioni antiche, dei fatti che si passano di bocca in bocca, della vita consumata nei bassi. Dietro ogni personaggio c’è una storia che inevitabilmente va ad intrecciarsi con quella generale di una grande città. Si legge nei loro sguardi la genuinità, la sopportazione di una vita non al top, i sogni sfumati di gioventù. E si legge anche tanta determinazione, quella di Tony Perduto che non si arrende di fronte alla precarietà di un simile lavoro, alle umiliazioni inferte da una redazione classista, alla scarsa fiducia che di lui ha la madre, alle lezioni private a Carletto “capa ‘e puorco”.

La sua più grande consolazione è il mare. Sapere che è sempre lì ad aspettarlo e a consolarlo ogni volta che si affaccia dal terrazzo di casa. E con lui si confida. La grande e variegata umanità è probabilmente la reale protagonista del romanzo e, come avviene in ogni noir, il luogo diventa uno dei personaggi della storia. Il finale poi è una sorpresa nelle sorprese. Il lettore mai si aspetterebbe un simile epilogo, che ha una sua logica definita. scrivere ilgiallo3

Dunque, cosa ci fa un orso steso a quattro di bastoni in mezzo a via Speranzella ai quartieri Spagnoli di Napoli? Io lo so, anche Antonio Menna lo sa. Voi acquistate il libro se volete conoscere una delle storie più esilaranti e serie che abbia mai letto in questi ultimi giorni. E buon divertimento!

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner

scrivere copertina Regista e sceneggiatore di film capolavoro, da Il bagno turco a Le Fate ignoranti, Ferzan Ozpetek delizia i suoi fan con uno scrigno narrativo affascinante e delicato, prezioso e vivido, una storia che è una delle dichiarazioni d’amore più romantiche mai tratteggiate. Reca la sua firma Rosso Istanbul (Collezione Strade Blu- Mondadori).

V’è una città al centro del mondo, con i rumori e gli assilli della modernità e i monumenti del passato. Lo specchio d’acqua, di conforto e di riflesso alla vita. Una dinastia di donne forti e bellissime, piuttosto che fragili e sagge.

Nonne, madri, amiche e amanti.

Vi sono uomini dalla consistenza dell’oro, luminosi come le estati, i cui passi sono segnati dall’intenso sapore del caffè.

Il viaggio accompagna il destino degli intrepidi. Divide e, talvolta, unisce, nel gioco cinematografico dei sensi.

Le scoperte sull’umano sono conferme di elucubrazioni d’immagine; sono moniti al tentativo di vivere senza condizionamenti. scrivere ferzan ozpetek                      

Ozpetek sigilla il principio e la fine del suo intento comunicativo: “Non dimenticate mai, la cosa più importante non è come vivete la vostra vita. La cosa che conta è come la racconterete a voi stessi, e soprattutto agli altri. Soltanto in questo modo, infatti, è possibile dare un senso agli sbagli, ai dolori, alla morte.

L’amore è il tassello decisivo, conclusivo, così come la scintilla primigenia. Manifesta il vigore del passato, la levità del futuro e la meraviglia del presente. Ciò è sufficiente a comprendere se davvero ne valga la pena.

Inesorabile come una carezza, elegante come una foto in bianco e nero. Una lettura del tempo senza tempo. Consigliata!

Virginia Cortese

e-max.it: your social media marketing partner

nessunodasalutare Una storia forte, dura da accettare, scomoda come tutte le storie vere della nostra società. Nessuno da salutare, un romanzo generazionale del potentino Dino Rosa appena uscito nelle librerie, racconta con estremo realismo il mondo della tossicodipendenza e della fragilità degli adolescenti. Edito da Valentina Porfidio, il libro, il secondo per il giovane scrittore talentuoso, accende i riflettori su un dramma che appartiene a tutti noi, quello della droga, dei rave party, di Scampia, dei centri di recupero, della disperazione.

Ivana, Andrea, Lorenzo sono i protagonisti di questa storia. Tre giovani con tre storie diverse che ad un certo punto si incrociano per poi dividersi, ma mai del tutto. I loro sono i volti della sofferenza e del cinismo, della forza e dell'impotenza, del potere e delle sue vittime. All’inizio sono ragazzi come tanti con la passione per le moto, per il bel vivere, per il divertimento, ma anche persone che amano l’impegno, che sognano il successo, che aspirano a brillare. Poi succede che un brutto evento segna così profondamente i loro animi da cambiarne completamente i destini.

C'è anche tanto amore in queste pagine, un amore così forte e così grande da trovare quale unica strada quella dell'eterna solitudine. Un libro che fa riflettere sul ruolo di tutti in questo mondo, dei genitori in primis e delle responsabilità, grandi, che hanno nei confronti di quei figli fragili che non vanno mai abbandonati. Un libro che accende la lampadina su un mondo che noi tutti rifuggiamo ma che purtroppo esiste e che come ben descrive l’autore, “se ci entri non ne esci più”. Non basta la forza di volontà, occorre la mano di qualcuno più grande di te. Qualcuno che sia strutturato, che conosca tutte le porte da aprire per indicare l'uscita da quel maledetto tunnel. Quanti casi come questo esistono al mondo? Tanti, troppi, e come Dino Rosa fa dire ai tuoi personaggi, non esistono strutture in grado di prevenire la discesa agli inferi.

scrivere dinorosa2 resizeIl romanzo scivola come acqua. Il ritmo è incalzante e il lettore non può staccarsi dalle sue pagine senza averlo finito prima. Merito della scrittura sicura, pulita, sincera, a conferma del successo del primo romanzo. Una scrittura che svela l’animo sensibile dell’autore, la sua prosa diventa poesia e lascia spazio al lato romantico del suo sentire il mondo.

Tante le immagini che suggestionano il lettore. Tra queste la lacrima di Ivana ormai sola che cadendo dal viso atterra sulla scrivania facendo rumore. Un tonfo nel silenzio sordo della sua solitudine che purtroppo l'avvolgerà fino alla fine.

Perfetto l’accostamento con le canzoni di Piko, musicista potentino scomparso prematuramente, le cui parole sono un tuffo al cuore. Non avrebbe potuto descrivere meglio il passaggio dalla vita all'aldilà. “Saremo vento, e il sole ci attraverserà”. 

Un libro che deve aprire gli occhi a chi non vuol vedere. Una storia che devono leggere non solo i giovani, ma soprattutto gli adulti perché imparino a stare vicino ai ragazzi e a prestare loro ascolto. I figli sono quello che vivono e se vivono nella comprensione sapranno comprendere gli altri. Se vivono nell'indifferenza saranno freddi e distaccati. Se vivono nell'amore sapranno amare. Un libro che insegna soprattutto ad amare se stessi.

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner

scrivere Mariolina Venezia

Mariolina Venezia e la sua terra. Ospite in passato di Gocce d’autore con il suo romanzo Maltempo (Bompiani), la scrittrice di origini materane la incontriamo come direttore artistico di un Festival della letteratura. Si tratta di “RaccontaMatera” che si terrà nella città dei Sassi dal 7 al 12 aprile. Innovativa è la formula che coinvolge sei scrittori, invitati a vivere e condividere le suggestioni della “Terza Città più Antica del Mondo”, e a raccontarle al pubblico materano in un Reading pubblico dei loro sei racconti inediti, che si terrà il 12 aprile presso la Casa Cava.

Antonio Pascale, Anilda Ibrahimi, Paolo di Paolo, Nadia Terranova, Marcello Fois e naturalmente Mariolina Venezia sono i sei protagonisti della prima edizione di “RaccontaMatera”. Vincitori di premi quali lo Strega e il Campiello, si danno appuntamento nella città dei Sassi per sei giorni, per respirarne gli odori, sperimentarne la bellezza, metterla poi su carta raccontando l’esperienza di questa scoperta che, sempre, lascia senza fiato. Il grande entusiasmo con cui gli autori hanno accolto questo invito racconta del profondo appeal che la Città di Matera ha maturato nel contesto culturale italiano ed internazionale.

Aperitivi con l’autore e interviste incrociate daranno vita al nuovo appuntamento con la letteratura in cui gli autori parleranno dei loro libri, si intervisteranno a turno e saranno intervistati dai giornalisti.

 

A cura della redazione

e-max.it: your social media marketing partner

scrivere cover 1Alberto Testa è un bellissimo vecchio di novantatré anni che ha mandato alle stampe in questi giorni la sua ultima opera “Rudolf Nureyev genio e sensualità”, arricchita da molte foto di Alessio Buccafusca, ed Gremese. Testa è stato ballerino, ha danzato con illustri partner, poi coreografo di sofisticati balletti nonché delle danze in molti film storici e in opere liriche, ha insegnato storia della danza per trenta anni all’Accademia Nazionale di Danza, instancabile organizzatore di premi, manifestazioni e concorsi, ha scritto numerosi libri ed è stato importante critico per la Repubblica e altri magazine, tutto questo e altro ancora sempre con eleganza, leggerezza e sorriso sulle labbra.

In questo libro l’autore ci accompagna alla conoscenza di Rudolf Nureyev dalla nascita (1938) avvenuta su un treno in Siberia fino alla lunghissima e dolorosa morte per ADS (1993). In questi 54 anni Rudy è stato il più affascinate danzatore di tutti i tempi. Quando era in scena il tartaro volante tutti gli occhi del pubblico erano magnetizzati su di lui, senza remora. E dire che aveva cominciato a studiare danza in età avanzata e contro il parere dei genitori, ma nel 1961 era già un fuoriclasse del Kirov quando decise per il gran passo. La celebre compagnia del Kirov era in tournée a Londra e Parigi e fu allora che Rudy decise della sua vita. Non tornò in Russia. Il suo gesto fu accolto con intelligente chiaroveggenza da quella che divenne la sua partner fissa e preferita, Margot Fonteyn. Non ostante fosse più vecchia di lui di ben venti anni formarono una coppia ineguagliabile per bellezza e stile. Alla grazia e perfezione stilistica di lei si univa la passionale irruenza di questo magnifico tartaro e le loro esibizioni mandarono in delirio le platee di tutto il mondo. Interpretarono insieme molti balletti cercando equilibrio e affiatamento, nel Lago dei Cigni “lei era la purezza squisita, dice Testa, Rudolf immetteva tutto il fuoco sacro di cui era capace, bellissimo e bravissimo, l’uno si integrava nel disegno dell’altra…..l’interpretazione risultava omogenea, appassionata, poetica, trascinante, formidabile!” . Il 1963 è stato l’anno del Margherite et Armand, a Londra impazziscono per Rudolf, a corte Elisabetta e Margaret sono ai suoi piedi! Questo balletto, del coreografo inglese Sir Frederick Ashton, è stato una delle interpretazioni più riuscite della coppia. Il successo di questo binomio fu mondiale. Il fulgido percorso di Nureyev era all’apice, lui è stato il ballerino più richiesto, il più pagato, forse l’unico ballerino classico che ha potuto accumulare una fortuna, cosa mai riuscita a un artista di danza, abitava in magioni sontuosissime sparse in molti luoghi del mondo.

Tante furono le partner che si sono alternate al suo fianco su tutti i palcoscenici possibili, scrivere Nureyev 2ma sempre gli applausi più fragorosi erano per lui. Lui ballava e la musica era nelle sue gambe e anche sul suo viso, quegli zigomi espressivi, quel volto ardente facevano parte della danza, lui volava, non saltava, le sue variazioni facevano battere il cuore. Nureyev amava molto l’ Italia e in particolare Roma dove era accolto con una certa libidine e eccitazione dalle belle e nobili dame dell’enturage mondano, dalle acclamazioni in teatro e dalle centinaia di fan che lo aspettavano sempre all’uscita dopo lo spettacolo solo per toccarlo e ottenere un autografo. Un mito come non ce ne sono stati altri. Le sue attenzioni per le donne erano solo snobberie salottiere. Un suo amore lo scoprì Testa quando in un ristorante non à la page lo vide in atmosfera intima con Erik Bruhn, legame, dice Testa, che in seguito si sciolse con il crescere dei capricci di Rudy. Infatti “egli era stato stregato dall’Occidente, dalla libertà che esso rappresentava per lui e che non tardò a cogliere con esagerata condivisione”. E noi aggiungiamo, tanto per portarlo a una fine tragica. L’incontro con Erik Bruhn avvenne in occasione di uno spettacolo in cui eccelleva anche Carla Fracci, all’Opera di Roma una Silfide indimenticabile. A questo proposito mi intrometto con un bellissimo ricordo, in quella occasione feci  nella mia Galleria Ferro di Cavallo una mostra di fotografie che Franco Pinna aveva realizzato alla generale. Intervennero gli interpreti e tutto il mondo della danza, un successone. Correva l’anno 1966.scrivere mostra Pinna 4 Nureyev tornò a Roma 15 anni dopo, portandosi dietro una fama sfolgorante, la città era in fibrillazione, doveva danzare in Giselle, il suo ruolo, con Carla Fracci. In quegli anni ero capo ufficio stampa al Teatro dell’Opera e ho seguito da vicino le situazioni più strepitose, dalle lunghe file di giorni e notti al botteghino per accaparrarsi un biglietto alle prove in palcoscenico e a tutte le recite. Vederlo provare, aiutare generosamente i ballerini di fila, battibeccare con la Fracci….era un godimento. Altri ballerini in quegli anni come Vassiliev e Barysnikov avevano, afferma Testa, un corredo di tecnica classica maggiore di quello di Nureyev, ma “inutile cercare in lui la perfezione, il controllo, il calcolo, l’estrema pulizia del passo…era un altro tipo di danzatore che dava allo spettatore quella gioia quella soddisfazione e che portava all’applauso clamoroso, all’urlo frenetico a ogni fine di variazione”.

scrivere Testa De Donato Cipriani 5Il racconto di Testa si snoda attentamente e con dovizia di date, titoli, teatri e partner sulla eclatante cavalcata di successi del Nostro, dalle interpretazioni ardenti nelle varie Giselle, o Lago dei Cigni e Bella Addormentata fino a quelle birichine e spavalde di un Don Chisciotte di uno Schiacianoci o di Marco Spada che proprio Nureyev volle far rivivere all’Opera di Roma. Senza tralasciare i ruoli significativi di danza moderna come quelli di Apollo Musagete di Balanchine o di Pierrot lunaire di Tetley o del duo con Paolo Bortoluzzi in Canti del compagno errante di Béjart. Ma la sua stella cominciava a tramontare, il suo corpo non reagiva più con lo stesso furore, lui non voleva scendere dal palcoscenico, resistette con dolore fino alla fine, fino agli ultimi giorni, quando quell’orribile male non lo divorò.

Agnese De Donato

e-max.it: your social media marketing partner

scrivere misura felicita 1 “Nessun uomo è un’isola. Ogni libro è un mondo.” E’ l’insegna un po’ sbiadita che si trova all’ingresso di una piccola libreria situata su un’isola, Alice Island. 55 metri quadrati di libri, di pile precarie di bozze rilegate lungo il corridoio, un reparto per la letteratura infantile molto piccolo, titoli di narrativa di qualità. Una scala interna porta all’appartamento al piano di sopra. Ci abita il proprietario di “Island Books”, A.J. Fikry, un vedovo inaridito dal lutto, il protagonista de La misura della felicità di Gabrielle Zevin. Un romanzo che ha il sapore del mare d’inverno, il profumo delle pagine e il senso della caducità. Ma è soprattutto una storia che parla d’amore per la vita e per la letteratura. Un libro che invita a “sfogliare” se stessi e ad interrogarsi sulle verità scritte sulla carta velina della propria anima. Un’opera che invita ad uscire dal proprio “ripiano” per andare incontro al mondo sulle ali di un libro. “Tutto quello che ti serve sapere di una persona lo capisci dalla sua risposta alla domanda: qual è il tuo libro preferito?”.

 

La moglie di A.J., Nic, era una scrittrice, oltre che la titolare della libreria. Era lei a mantenerla viva organizzando presentazioni di libri, gruppi di lettura, curando la scelta dei titoli, dispensando consigli alla clientela. La sua morte portò una fitta nebbia nella sua vita.

scrivere misura felicita 2

E’ l’arrivo de La fioritura tardiva a modificare il corso delle cose e a riaccendere l’interesse nell’uomo per la letteratura e per la vita. Un memoir sulla possibilità di trovare il grande amore a qualsiasi età. Ma è soprattutto la presenza di due persone a stravolgere la vita ormai piatta e monotona di A.J.: Maya e Amelia. La prima è una bambina abbandonata nella libreria che lui adotta e cresce tra libri e letture. La seconda è un’agente della Knightley Press in visita all’Island Books per la cedola invernale con cui poi si sposerà. La loro presenza riconduce pian piano A.J. verso l’amore per i libri, “ogni storia arriva al momento giusto”, e riporta su un piano nuovamente umano l’austero proprietario dell’unica libreria dell’isola. Un luogo che si ammanta di fascino per il paesaggio alle volte cupo che l’oceano regala tutt’intorno e per le storie delle persone che vi abitano.  

Tutta la storia gioca con citazioni di titoli e frasi dei più famosi romanzi, anche i pranzi dei protagonisti prendono spunto dalle pietanze dei libri menzionati. Si parla di scrittori, di come si scrivono i racconti, della autenticità delle trame, di come nasce la passione per la scrittura, di talenti e di stroncature. La fioritura tardiva sarà soltanto un espediente utilizzato da Gabrielle Zevin, per parlare di amore senza barriere verso i libri e verso gli altri.

 

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner

scrivere Il postinoLa storia che vi proponiamo questa volta è ricca di immagini, di colori, di profumi.

Leggere Il Postino di Neruda è un’esperienza sensoriale a tutto titolo.

Motivo ispiratore di uno dei film più belli mai prodotti (tra i protagonisti il compianto Massimo Troisi), e carezzato da una colonna sonora struggente e magica (firmata Luis Bacalov e Sergio Endrigo), il testo è la più vivida cartolina della parabola d’amore e d’amicizia, di logica e di istinto, di passaggi obbligati e scelte dettate unicamente dal cuore.

Siamo nel giugno del1969, nel piccolo villaggio diIsla Negra.

Mario Jiménez, figlio di un pescatore, rifugge il suo destino già segnato e accetta una proposta di lavoro come postino locale, sebbene sia sottopagato. Ha un’unica persona a cui consegnare la posta: il famoso poetaPablo Neruda; quello che ha sempre considerato come un maestro.

Non entreranno subito in empatia, ma la loro diverrà col tempo un’amicizia sincera, tanto che Neruda insegnerà al ragazzo l'arte poetica, attraverso l’utilizzo della “metafora”.

Mario incontra Beatriz Gonzàlez, della quale s’innamorerà follemente e che poco dopo gli darà un figlio, Pablo Neftalì Jiménez Gonzàlez. Neruda, intanto, verrà candidato alla presidenza per ilPartito Comunista del Cile (ruolo tributato aSalvador Allende) e partirà per ricoprire la carica di ambasciatore in Francia.scrivere Il postino 1

All’annuncio dell’assegnazione del Premio Nobel per la letteratura all’amato amico poeta, Mario coinvolgerà l’intero villaggio in una grande festa.

La rivista La Quinta Rueda organizza un concorso e Mario decide di inviare quella che ritiene la sua migliore composizione, nonostante non sia riuscito a confrontarsi con il suo maestro. Il Golpe cileno da parte delle forze oppositrici raggiunge Isla Negra; Mario richiede e ottiene nuovamente il lavoro di postino per rivedere l'amico Neruda. Avrà una spiacevole sorpresa: lo troverà sul letto di morte. Il concorso sarà vinto da un certo Jorge Tellier. L’epilogo è laconico: l’autore saluta tutti bevendo una tazza di caffè. Amaro.

Virginia Cortese

e-max.it: your social media marketing partner

Irriverente. Frizzante. Determinato.

Scrivere colazione da tiffanyNato nella patria del jazz, un omosessuale dichiarato, in un’America di lustrini e jet set, Truman Capote, con il suo Colazione da Tiffany ha dato vita a un vero e proprio status quo.

La Holly Golightly svampita e trasognante; fintamente maliziosa e pasticciona cattura, non già per la leggera architettura del suo sguardo femminile, quanto per la cognizione dell’altro.

Una lectio sociale, sebbene si presenti sotto la forma più nostalgica di una storia d’amore, con tanto di colonna sonora, ripensamenti e capricci.

Fino a coronare il sogno nel grande ritorno. Nell’accettazione più vera e fragile.

Maschi e femmine a confronto, il gioco della passione per le arti, il lusso, lo stile, il bianco&nero che rapisce e il tempio onirico della certezza.

Nulla succede da Tiffany, il garbo nell’accoglienza e la spropositata offerta di ori e argenti sono una vera carezza sul cuore.

E poi ci sono le Avenue, gli uomini cercati per trarre ricchezza, i fratelli reclutati dall’esercito, i mariti abbandonati, quelli che abbandonano e gli scrittori di talento.

C’è una giornata trascorsa a fare ciò che si è sempre desiderato fare ma che la convenzione ha impedito, c’è il sovvertimento del perbenismo borghese, c’è il coinvolgimento in una “storiaccia” di droga.

scrivere Colazione da Tiffany0002

Ma vige soprattutto il gesto generoso, la scelta morale e niente affatto moralista, una insofferenza alla convenienza che sfocia nella ricerca e in un quadro fotografico affascinante, magnetico, perfettamente equilibrato.

E che ha siglato una delle pagine più belle della letteratura e in seguito della filmografia moderna.

 

Virginia Cortese

e-max.it: your social media marketing partner

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore