May 09, 2021 Last Updated 7:14 AM, Apr 27, 2021

Cenni di primavera In evidenza

Pubblicato in Musicare
Letto 246 volte

«Un minuto di primavera
dura spesso più a lungo
di un’ora di dicembre


una settimana di ottobre
un anno di luglio
un mese di febbraio».

Jacques Prévert

Ed è vero. La primavera è un cenno, un movimento in levare, un palpito. Il tempo di un’apparizione, il manifesto della sua immensa bellezza. Corre veloce, sui prati che ha prima riempito di colori e di profumi, vola saltellando di campo in campo, di vita in vita e dove posa il suo piede tutto fiorisce. 

Anche la musica non riesce a fermarla, la rincorre, si alimenta per il tempo di un arpeggio e poi va. Ma la celebra, la celebra come l’apoteosi della leggerezza, della levità, della libertà. Un anelito cui tendiamo in questo lungo periodo di angosce e timori. Abbiamo bisogno di rinascere, di affacciarci a nuove primavere, di rasserenarci, di essere di nuovo operativi. Abbiamo bisogno di tornare ad amare e ad amare la vita.

Io ho provato a cogliere tutte le sfumature della primavera con il mio pianoforte, e nel farlo l’ho rincorsa sentendo il suo alito fresco sul mio viso. Ho seguito le mie mani che d’istinto hanno preso a viaggiare sulla tastiera, lasciandomi trasportare in una dimensione lontana e libera, finalmente libera.

Buon ascolto!

Toni de Giorgi

Lascia un commento

Assicurati di inserire le (*) informazioni richieste dove indicato

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

Corpi del reato

20 Apr 2021 Racconti Inediti

Letture sul corpo

20 Apr 2021 Leggere

Corpo “in scena”

20 Apr 2021 Investire

s l1600