Jan 17, 2021 Last Updated 2:41 PM, Dec 24, 2020

L’istante, il tempo… la musica In evidenza

Pubblicato in Musicare
Letto 209 volte

L’istante, il tempo… la musica, i ricordi, le emozioni sono stati sempre gli elementi vivi nella nostra vita. A chiunque è successo di camminare per strada, assorto nei propri pensieri di tutti i giorni e ascoltare una canzone. Ascoltare musica anche per un’istante è  un viaggio nel tempo e per riportare alla mente un  ricordo.

 

Una semplice melodia è stata capace ed è capace di risvegliare le emozioni, di strappare un sorriso e di fermare ‘l’istante’, i pensieri quotidiani. Questi elementi si amplificano ancora di più per chi ‘crea’ musica, la scrive. Infatti come succede a chi scrive, ma credo a tanti musicisti compositori, si cerca l’istante, quell’istante che ti conduce al ‘tempo’ per iniziare a comporre la nostra musica, per mettere insieme le note.

Ed ecco che da li inizia il nostro viaggio, cogliere appunto l’istante per dare il giusto tempo alle nostre emozioni. Oscar Wilde diceva che “la musica è l’arte che è più vicina alle lacrime e alla memoria”, ma la musica è una risorsa che si può utilizzare non solo per risvegliare i sentimenti, bensì anche per favorire l’apprendimento e migliorare la memoria. Secondo Krumhansl, “la musica trasmessa di generazione in generazione dà forma ai nostri ricordi autobiografici, preferenze e risposte emotive, un fenomeno che chiamiamo colpi di reminiscenza. Queste nuove scoperte segnalano l’influenza della musica durante l’infanzia”.

Propongo l’ascolto di un brano famoso di jazz, in linea con il tema di questo numero della rivista, che ha a che fare con il tempo. Si tratta di Take Five, una composizione strumentale jazz di Paul Desmond, sassofonista del Dave Brubeck Quartet, gruppo che incise originariamente tale brano per il proprio album Time Out del 1959. Il brano deve il suo nome alla metrica in 5/4.

Registrato presso il Columbia's 30th Street Studios di New York tra il 25 giugno e il 18 agosto 1959, pur non essendo il primo brano jazz composto in cinque quarti fu ciononostante il primo a giungere al grande successo commerciale anche fuori dal suo genere, raggiungendo la venticinquesima posizione della Billboard Hot 100 e la quinta di Billboard's Easy Listening Survey (fonte Wikipedia). Buon ascolto!

Toni de Giorgi

Altro in questa categoria: Valzer bianco e nero »

Lascia un commento

Assicurati di inserire le (*) informazioni richieste dove indicato

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600