Dec 07, 2021 Last Updated 7:57 AM, Dec 1, 2021

Il teatro cupo e leggero. Come la vita In evidenza

Pubblicato in Investire
Letto 247 volte

Alti e bassi. Gioie e dolori. Cupezza e leggerezza.

Così è la vita. Così è il Teatro Elisabettiano di Shakespeare. Sempre legato alla vita, non la edulcora, non la rende finta, non la imita. La porta sul palco. Così com’è. Ecco perché anche nelle Tragedie del Bardo, a tratti, la tensione cala, per lasciare spazio ad intervalli comici, alla musica, allo scherzo anche triviale, a sprazzi di allegria.

 

Per questo una tragedia Shakespeariana è sempre rappresentabile. Anche in una sera estiva, che vuole – per definizione – levità e leggerezza.

L’ultima che mi è capitata di vedere è “Romeo e Giulietta”, per la regia di Gigi Proietti al Globe Teathre di Roma. La tragedia dell’amore per eccellenza viene “alleggerita” in alcuni punti da espedienti scenici e linguistici, che integrano e superano l’originale, che pure ha momenti di rilassamento, nelle scene di vita mondana delle famiglie nobili e rivali, nella figura della nutrice di Giulietta, nella passione dei giovani innamorati, prima che tutto precipiti.

Nell versione di Gigi Proietti, l’inizio con i ragazzi delle famiglie rivali che giocano a calcio in felpa e snakers nelle vie di Verona, anziché duellare; Giulietta in chiodo di pelle che danza al ritmo della musica rock, che ascolta in cuffia nella sua stanza come una qualsiasi adolescente di oggi; la Festa a casa Capuleti sulle note della disco dance di Donna Summer alleggeriscono, avvicinano il pubblico giovane e narrano la tragedia come se tutto fosse un antico sogno.

Velocità, allegria, caratterizzazione dei personaggi, donano leggerezza, senza nulla togliere alla narrazione, alla recitazione, alla bellezza del verso.

Le parti “alleggerite”, anche dalle improvvisazioni degli attori, spesso non riportate fedelmente nei copioni giunti fino a noi, esistono in tutte le opere. Basti pensare ai Becchini della scena iniziale di ”Amleto”, alle scene di “Otello” in cui lo stesso Jago recita la parte del buffone, alla comicità che sottende alla trama di “ReLear”, in cui giganteggia il personaggio di Fool, che aiuta la caduta della tensione, quella tragica mai quella narrativa.

Il Fool è una sorta di clown o giullare di corte, che ha abilità teatrali e parla il linguaggio del popolo, ironico e saggio al tempo stesso. Guarda la storia e ne indirizza il destino. Secondo alcuni critici, è la “voce” dello stesso Shakespeare.

Il Fool – che in “ReLear” si chiama proprio cosi, in “Enrico IV” è Falstaff, ne “La Tempesta” Calibano e in “Amleto” lo stesso Amleto – è un personaggio solo, a sé, guida e critico di ciò che avviene.

Nel 2012 – sempre al Globe Teathre di Roma - andò in scena “Fool.I comici di Shakespeare” per la regia di Consuelo Barilari: tutti i fools insieme, ciascuno interprete, a proprio modo, dell’opera di cui è parte, all’interno della messa in scena de “Il Sogno di una notte di mezza estate”, quando la compagnia dei comici si esibisce per i futuri sposi. Una riscrittura geniale di “teatro nel teatro”, che fa rivivere pezzi di Commedie e Tragedie dal solo punto di vista dei Fools. Una produzione che - quell’anno - fu anche in Basilicata nel sito archeologico di Vaglio (Pz).

E poi la Musica. Anzi le Canzoni.

Shakespeare le usa anche nelle Tragedie. Si tratta quasi sempre di canzoni della tradizione popolare di cui scrive anche i testi. Le cantano i personaggi minori o le compagnie teatrali spesso rappresentate sul palco; i bambini. I personaggi principali cantano raramente. Solo se travestiti o in uno stato di confusione mentale. Canta Ophelia in “Amleto”, Canta Desdemona in “Otello”. Cantano le Fate nel “Sogno”, le Streghe in “Macbeth”.

La musica e la canzone introducono in un’atmosfera, smorzano la forza della parola recitata, danno tregua all’anima dello spettatore.

Insomma, la leggerezza esiste. Non solo nel Teatro Comico o nel Varietà. Andiamo a Teatro. Anche in estate!

Grazia Napoli

Grazia Napoli

GIORNALISTA

Anche se lavoro da sempre in Tv mi piace plasmare le parole sulla carta. Raccontare è il mio mestiere, ma anche la mia passione.

I libri. Ne ho tanti. Anche doppioni. Non li presto. Sono pezzi di vita. Il mio preferito, “Gita al Faro”. Virginia Woolf la “mia” scrittrice. Nasco anglista.  Finisco giornalista. Dal 2008, affastello pensieri, riflessioni, recensioni e ricordi sul mio sito.  Prende il nome da un mio saggio, ma - col tempo - è diventato molto altro.

Tra cronaca e poesia, trionfa il Teatro. Tutto. Indistintamente.

La musica…beh. Amo Claudio Baglioni! E qui so che il maestro De Giorgi riderà!

Nelle pause: viaggio! Vado alla scoperta del mondo. Ma soprattutto di me stessa!

Altro in questa categoria: Lady Orlando »

Lascia un commento

Assicurati di inserire le (*) informazioni richieste dove indicato

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600