Jan 17, 2021 Last Updated 2:41 PM, Dec 24, 2020

Post-moderno, il teatro della Meraviglia In evidenza

Pubblicato in Investire
Letto 114 volte

È meraviglia, stupore, gioia, partecipazione e tentativo affannoso di ricostruire ciò che è stato decostruito.

È il teatro post moderno, nato a metà del ‘900, per dimostrare che non esiste una verità unica e definitiva, un unico racconto lineare, una narrazione causa-effetto. Esistono le verità individuali, che sia l’attore, sia lo spettatore costruiscono e comprendono, ponendosi domande, cercando risposte, che spesso non esistono.

 

Suscita meraviglia uno spettacolo post moderno spesso costruito con “pezzi” di opere importanti, di cui rimane solo una traccia, il nome di un personaggio, qualche scena adattata nel linguaggio, nei costumi, nelle finalità.

Fu meraviglia pura per me – shakespeariana convinta – assistere, al Teatro Stabile di Potenza, qualche anno fa nell’Ambito del “Città delle 100 scale Festival”, a ciò che era diventato “Amleto” in “Amleto + Die Fortinbrasmaschine”, di Roberto Latini e Fortebraccio Teatro, a sua volta riadattato da “Die Hamletmachine” di Henier Muller, dramma post moderno del 1977.

Vagamente basato sull’Amleto originale, non ha una trama convenzionale, ma diversi monologhi in cui l’attore riflette – tra l’altro - sull’essere attore. Si torna a Shakespeare per superarlo e guardarlo con gli occhi del nostro tempo. I personaggi sono andati avanti, da figli sono diventati padri, da uomini sono diventati maschere, che agiscono su una sorta di giostrina luminosa, al centro della scena entro i cui confini si svolge la vita frammentata e insensata, tragedia e commedia insieme.

Una messa in scena che racconta come il mito, Shakespeare, il Teatro nella sua essenza abbiano già detto tutto. E come tutto possa innestarsi in qualsiasi tempo.

Quando studiavo all’Orientale di Napoli, ci dicevano che per capire il post moderno bastava guardare Napoli, città in cui vecchio e nuovo convivono e si trasformano, ma rimangono uguali a sé stessi. È così che ho intuito cosa fosse il teatro post moderno. Era quello che vedevo nei vicoli: una scena che veniva dal passato e si componeva in tanti frammenti moderni, per raccontare la magia antica e la realtà nuova di una città-palcoscenico. E tutto questo suscita meraviglia. Perché è un “teatro” che ti coinvolge e ti costringe a guardati dentro e intorno. Come faceva Amleto.

Da allora ho visto molto teatro post moderno. E ho sempre sperimentato la meraviglia del sentirsi coinvolti, trascinati, frammentati. Parole antiche in scene e rappresentazioni moderne, anzi oltre il moderno, post moderne. Specie negli happening all’aperto, nelle scene mobili, nell’uso dell’elettronica, dei laser, dei microfoni per declamare le parole di Amleto e di Ofelia in un contesto spesso surreale che non ha più radici. Le parole di tutti noi. Ancestrali, significanti anche se non più in fila in un racconto concluso. Parole, gesti e palcoscenici frutto di un lento lavorio di decostruzione. Della realtà e dell’arte.

Grazia Napoli

Grazia Napoli

GIORNALISTA

Anche se lavoro da sempre in Tv mi piace plasmare le parole sulla carta. Raccontare è il mio mestiere, ma anche la mia passione.

I libri. Ne ho tanti. Anche doppioni. Non li presto. Sono pezzi di vita. Il mio preferito, “Gita al Faro”. Virginia Woolf la “mia” scrittrice. Nasco anglista.  Finisco giornalista. Dal 2008, affastello pensieri, riflessioni, recensioni e ricordi sul mio sito.  Prende il nome da un mio saggio, ma - col tempo - è diventato molto altro.

Tra cronaca e poesia, trionfa il Teatro. Tutto. Indistintamente.

La musica…beh. Amo Claudio Baglioni! E qui so che il maestro De Giorgi riderà!

Nelle pause: viaggio! Vado alla scoperta del mondo. Ma soprattutto di me stessa!

Lascia un commento

Assicurati di inserire le (*) informazioni richieste dove indicato

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600