Jan 17, 2021 Last Updated 2:41 PM, Dec 24, 2020

Stringhe di parole In evidenza

Pubblicato in Editoriale
Letto 115 volte

Meraviglia. È questa la parola che abbiamo scelto per il nuovo numero della rivista. Quasi una necessità scaturita dal momento, venuta fuori dai nostri ragionamenti, emersa nonostante si voglia tenere sommerso il presente. E noi alle parole ci teniamo, ci aggrappiamo ad esse, le rispettiamo, le usiamo con cautela sapendo che possono darci una sferzata improvvisa o al contrario una carezza inaspettata. E forse, in questo momento, cerchiamo la seconda, stanchi e avviliti per quel contesto stretto in cui siamo obbligati a vivere.

 

La meraviglia dunque latinamente intesa, quella che ci invita a admirari, ossia a "guardare con meraviglia", a stupirci di fronte a qualcosa di affascinante e di ammirevole. Ma anche il meravigliarsi dei greci, secondo cui la meraviglia anziché essere un sentimento è uno stato d’animo che induce al desiderio di sapere. Le parole ci aiutano a vedere meglio la realtà, a comprenderla, a catalogarla, a viverla. Le nostre vicende, i nostri vissuti, diventano parole, costruiscono quel mondo di immagini e di sensazioni che andiamo a ripescare alla bisogna. Se ad esempio vogliamo descrivere questo Natale, quali parole potremmo usare? Insolito? Solitario? Triste? Abbiamo trasformato l’esperienza di questo evento in parole. Quando tutto sarà passato, porteremo dentro di noi le parole che lo stesso ci ha suscitato, parole che ci restituiranno l’esperienza di questo Natale. Nella nostra memoria, come scrive Lamberto Maffei in Elogio della parola, Il Mulino, l’evento è parole.

Ma noi non possiamo lasciarci sopraffare dalla mestizia di questi giorni. Dobbiamo conservare quelle parole, “quelle” che fino allo scorso anno ci parlavano di famiglia, di calore, di gioia, di condivisione, “quelle” parole che descrivevano “Il” Natale. Ci ricordiamo con quali parole lo raccontavamo? Ne verrebbero fuori tantissime, tra queste anche la meraviglia dello stare insieme, quello stato di grazia che davamo così per scontato e che oggi ci appare come una ferita aperta nel petto. «Le parole sono la mia memoria – scrive Maffei – la mia narrazione: io sono fatto di parole, magari silenziose; quel poco che so, sono parole, stringhe di eventi che ritornano nella loro sequenza non solo grammaticale e sintattica, ma nella logica razionale o irrazionale del ricordo, e mi rifanno il mondo e mi narrano.»

Siamo fatti di parole. Quelle che ci permettono di raccontare, di non dimenticare le esperienze vissute, di tramandare il nostro patrimonio ai più giovani. «Che sarebbe l’uomo senza parole?» conclude il presidente dell’Accademia nazionale dei Lincei. Continuiamo ad usarle rispettandole, affidandoci ad esse per sublimare il momento, per aprire nuove finestre di dialogo con noi stessi innanzitutto. Quelle finestre dietro le quali abbiamo visto scorrere i giorni e dalle quali oggi ci affacciamo ammirando il luccichio delle luminarie e sognando. Stringhe di parole che stiamo infilando, articolo dopo articolo, esperienza dopo esperienza, nella “collana della storia”.

Buon Natale.

Eva Bonitatibus

Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Lascia un commento

Assicurati di inserire le (*) informazioni richieste dove indicato

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600