logo2017

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

 
Domenica, 27 Settembre 2015 19:43

Holi festival of colours

Scritto da 

osservare holi 1

Le varie teorie intuite già nell’antichità da Oriente ad occidente, secondo la quale i colori eserciterebbero sulla psiche e sull’umore di ciascun individuo una innegabile fonte di benessere, trovano le loro conferme nei moderni esperimenti scientifici.

Le qualità e le proprietà di ciascun colore sono individuate con sfumature diverse dai vari maestri della Cina e dell'India e dai moderni ricercatori di cromoterapia europei e americani che  descrivono Il colore come un elemento capace di  influenzare il nostro organismo e, con azioni mirate, riportare situazioni di disfunzione o malessere verso un equilibrio salutare. queste civiltà ,fin dall’antichità ,hanno sfruttato il significato dei colori e il loro effetto sui processi fisici e psichici dell'uomo in numerosi campi, da quello della medicina a quello dei riti religiosi, atti a curare il corpo e a purificare l'anima. Gli Indiani, sostenuti dalle teorie dei biologi, credono nella sua azione purificante soprattutto se utilizzato in pittura, e, se diffuso su tutto il corpo, penetra nei pori ed il suo contatto servirebbe a rafforzare le difese naturali della pelle e ad abbellirla. Questo “rito pittorico” nasce da una delle più importanti festività della religione induista non che  una della feste più amate da tutta la popolazione indiana. Il suo nome è Holi, ma è conosciuta in tutto il mondo come la “Festa dei Colori”. Ha origini molto antiche: alcune incisioni su pietra ritrovate nel Nord-Est dell’India, ci mostrano come le prime celebrazioni della festa di Holi risalgano addirittura a 300 anni prima della nascita di Cristo. Letteralmente la parola Holi in lingua indiana significa “bruciare” e questo nome deriva da un’antica leggenda, in cui questa celebrazione va a segnare il trionfo del Bene sul Male.  E’ anche la festa della fertilità, che segna il passaggio dal gelo dell’inverno allo sbocciare della primavera infatti ,la sua celebrazione, cade nell’ultimo giorno di luna piena del mese induista chiamato Phalgun, che corrisponde più o meno al periodo che va da metà febbraio a metà marzo. La notte prima della festa vengono accesi dei grandi roghi, con lo scopo di scacciare gli spiriti del male con la potenza del fuoco. Ad ardere fra le fiamme è infatti il fantoccio di Holika, sorella di Hiranyakashipu, il re dei demoni. Secondo la leggenda,  Hiranyakashipu si considerava il padrone di tutto l’Universo, superiore a tutti gli dei ma tuttavia suo figlio Prahalad era devoto a Vishnu, divinità del bene.  Hiranyakashipu decise di punire il figlio per il suo “tradimento” e ordinò alla sorella di ucciderlo dandogli fuoco. Grazie alla protezione di Vishnu, Prahalad riuscì tuttavia a sfuggire all’agguato, mentre Holika morì vittima della trappola di fuoco che lei stessa aveva preparato.

osservare holi 2Il secondo giorno di festa invece è la giornata principale della celebrazione di Holi dove vede bambini, adulti, anziani, riversarsi nelle strade vestiti di bianco a rincorrersi, a danzare, a scherzare e a lanciarsi addosso acqua mescolata con polveri colorate. Ogni colore ha un significato particolare :  il verde rappresenta l’armonia, l’arancione l’ottimismo, il blu la vitalità e il rosso la gioia e l’amore. Il lancio delle polveri colorate trae origine da una leggenda induista, che parla del grande amore fra Krishna e Radha. Si narra che un giorno Krishna, geloso per la bellezza della pelle della sua amata Radha, decise di dipingerle la faccia, per renderla più simile alla propria. Proprio per questo, nel giorno di Holi gli innamorati usano dipingersi il volto a vicenda, in modo da sancire i propri reciproci sentimenti.
Inoltre durante questo giorno tutte le caste del sistema indiano non hanno alcun valore, le regole della vita di tutti i giorni vengono meno e le persone sono considerate tutte uguali. Per un giorno, ricchi e poveri si ritrovano a festeggiare assieme. Anche le donne, considerate dalla cultura indiana inferiori rispetto agli uomini, possono finalmente prendersi la loro rivincita.  Da qui l’idea di portare questo festival in giro per il mondo con lo scopo di  incoraggiare a promuovere l’uguaglianza e la tolleranza, avvicinando le persone tra loro. Questa festa ,infatti, ha preso il sopravvento in tutto il mondo privata però del suo significato più profondo.
Holi si è in parte trasformata in una festa commerciale e in alcuni negozi sono state vendute delle polveri colorate chimiche, tossiche per la salute umana e inquinanti per l’ambiente e, in alcuni paesi, hanno causato il ricovero in ospedale di alcuni bambini in seguito ad ustioni cutanee causate dal contatto di questi colori sintetici con la pelle.Nonostante ciò continua ad essere una festa piacevole ed allegra, che lascia un forte ricordo ai partecipanti e a coloro che ne sentiranno parlare.

Serena Gervasio

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 175 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGO B 2 1