logo2017

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

LOGO B 2 1

Giovedì, 09 Ottobre 2014 13:47

Libri che profumano d’autunno

Scritto da 

Libri che profumano d’autunno

 

Siamo ormai in pieno autunno e con la luce che cambia il colore delle giornate possiamo godere della compagnia silenziosa e calda dei nostri amati libri. In questo mese di ottobre ci sono tante nuove uscite, ma noi di Gocce d’autore vogliamo cominciare con un omaggio ad un anniversario: i 100 anni della Grande Guerra. Poi ci sono tanti nuovi romanzi, gialli mozzafiato e racconti interessanti. Tra le mille sfumature che ci regala questa stagione dell’anno vi invitiamo a mettervi comodi su una poltrona dietro la finestra, ad osservare la natura che cambia colore e a immergervi nel tepore delle vostre pagine. Buona lettura a tutti!

 

La guerra dei nostri nonni

di Aldo Cazzullo

Mondadori editore

 

 

aldocazzullaLa Grande Guerra non ha eroi. I protagonisti non sono re, imperatori, generali. Sono fanti contadini: i nostri nonni. Aldo Cazzullo racconta il conflitto ’15-18 sul fronte italiano, alternando storie di uomini e di donne: le storie delle nostre famiglie. Perché la guerra è l’inizio della libertà per le donne, che dimostrano di poter fare le stesse cose degli uomini: lavorare in fabbrica, guidare i tram, laurearsi, insegnare. Le vicende di crocerossine, prostitute, portatrici, spie, inviate di guerra, persino soldatesse in incognito, incrociano quelle di alpini, arditi, prigionieri, poeti in armi, grandi personaggi e altri sconosciuti. Attraverso lettere, diari di guerra, testimonianze anche inedite, “La guerra dei nostri nonni” conduce nell’abisso del dolore. Ma sia le testimonianze di una sofferenza che oggi non riusciamo neppure a immaginare, sia le tante storie a lieto fine, come quelle raccolte dall’autore su Facebook, restituiscono la stessa idea di fondo: la Grande Guerra fu la prima sfida dell’Italia unita; e fu vinta. L’Italia poteva essere spazzata via; dimostrò di non essere più “un nome geografico”, ma una nazione. Questo non toglie nulla alle gravissime responsabilità, che il libro denuncia con forza, di politici, generali, affaristi, intellettuali, a cominciare da D’Annunzio, che trascinarono il Paese nel grande massacro. Ma può aiutarci a ricordare chi erano i nostri nonni, di quale forza morale furono capaci, e quale patrimonio portiamo dentro di noi.

 

Il lato oscure del cuore

Di Corrado Augias

Einaudi

 

illatooscuroClara studia storia della psicanalisi, rimane sveglia fino a tardi ad analizzare i casi delle “grandi isteriche" e le cronache del rapporto con i medici che le ebbero in cura: Freud, Jung, Charcot... Ma poi, per curiosità più che per bisogno, comincia a lavorare nel bar del fratello. E sarà allora che, abituata a confrontarsi con la teoria di un inconscio remoto, Clara si troverà alle prese con una vicenda misteriosa e ambigua, un omicidio che affonda le radici in un vortice di sentimenti incandescenti, di violenza e di colpa. Corrado Augias ci parla de Il lato oscuro del cuore.

 

 

 

mareMare d’inverno

di Grazia Verasani

Giunti Editore

E’ un romanzo sull’amicizia tra donne, un Grande Freddo al femminile con un’ironia “alla Almodóvar”. La voce narrante è quella di Agnese, che fa l’insegnante, con un matrimonio arrugginito e una figlia diciottenne. Poi ci sono Vera, giornalista di successo, e Carmen, attrice prestata al doppiaggio. Sono vicine ai cinquanta e sono amiche dai tempi dell’università. Adesso si ritrovano a passare insieme, in una villetta della riviera romagnola, i giorni che precedono il Capodanno. La scusa è quella di consolare Carmen che si è rifugiata lì per riflettere sulla sua ennesima sconfitta sentimentale. In quel postosemideserto, freddo, desolato, tra alberghi chiusi e il mare dinverno della canzone di Ruggeri, le tre donne rinsaldano la loro amicizia, con liti passeggere, ricordi che affiorano, confidenze, rimpianti, amori che non si dimenticano. Ma soprattutto ridono, o imparano a farlo, in un’età in cui la giovinezza sembra già alle spalle. Vera, pur essendosi pienamente realizzata nel lavoro, non è felice, come non lo è Carmen, che ha sempre messo l’amore al primo posto, e Agnese dovrà decidere cosa fare del proprio matrimonio. Una breve vacanza in cui conosceranno qualcosa in più di loro stesse, e avranno anche l’occasione di incontrare uomini che scontano lo stesso malinconico “fuori stagione”. E insieme, forse, troveranno la forza di andare avanti più consapevolmente, senza paura della solitudine. 

 

 

duddleRoderick Duddle

di Michele Mari

Giulio Einaudi Editore

«Se avesse potuto gettare uno sguardo anche un solo istante nella mente di quell'uomo, Roderick si sarebbe messo a correre via senza fermarsi mai... Ma tu non scapperai, mio lettore, perché sei avido di sapere, perché ti ho scelto fra tanti, e perché, appunto, sei mio». Figlio di una prostituta, Roderick cresce tra furfanti e ubriaconi all'Oca Rossa, fumosa locanda con annesso bordello. Quando la madre muore, il proprietario pensa bene di cacciarlo: quello che entrambi ignorano è che nel destino di Roderick è nascosta un'immensa fortuna, e quel medaglione che porta al collo ne è la prova. Il ragazzino si ritrova alle calcagna una folla di balordi, mentecatti, loschi uomini di legge e amministratori, assassini, suore non proprio convenzionali - ognuno deciso a impadronirsi in un modo o nell'altro di una parte del bottino. E cosí Roderick fugge, per terra e per mare, in un crescendo di imprevisti, omicidi, equivoci e false piste. Roderick Duddle è insieme summa e reinvenzione del percorso letterario di Michele Mari: guardando a Dickens e Stevenson, mai cosí amati, disegna un'impareggiabile parabola sulla cupidigia e sulla stupidità dell'uomo, ma anche sulla sua capacità di stupirsi di fronte al meraviglioso. Un appassionante e insieme raffinatissimo gioco letterario, che ha la forza e l'intelligenza di proporsi alla lettura semplicemente come romanzo d'appendice contemporaneo. «Mio paziente lettore, che mi hai seguito passo passo fin qui: immagino che sarai stanco, e desideroso di sapere come questa storia va a finire. Cercherò di accontentarti, anche se nessuna storia propriamente finisce mai».

 

primuleLa carezza leggera delle primule

di Patrizia Emilitri

Sperling & Kupfer

La vita di Clorinda è ormai quasi tutta alle spalle, così almeno credono gli altri. Ma lei nasconde un segreto che è il momento di svelare. Lo fa tramite un manoscritto che affida a Elena, giovane e ambiziosa scrittrice: tra quelle pagine scoprirà una vicenda che ha radici lontane, nel giorno in cui Clorinda ha sfidato il destino, scampando alla morte. Per farlo, si è servita di un vecchio quaderno di ricette appartenuto a una donna accusata di stregoneria, attirando su di sé una maledizione: la condanna a vivere in eterno. Ora, Elena è l’unica persona che possa finalmente liberarla. Ma per farlo l’attende una scelta pericolosa.

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 313 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti