logo2017

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

 
Martedì, 23 Dicembre 2014 11:34

Lettera a Gesù Bambino

Scritto da 

Caro Gesù Bambino,

si avvicina anche quest’anno la data del tuo compleanno e sento il bisogno di rivolgermi a te non per formularti una richiesta, bensì per pronunciare una preghiera. Parole semplici che abbiano il potere di attirare la tua immensa attenzione verso i palpiti che muovono il mondo. Fluttuazioni che non sempre riescono a determinarne gli effetti, oscillazioni del cosmo che gesu 1spostano ora di qua ora di la le fragilità dell’umanità. Pensieri e azioni, gli uni a rincorrere le altre, in un ritmo sempre più veloce che si conclude in un vortice che tutto comprende e tutto risucchia. Una frenesia che attanaglia noi uomini incapaci di osservare il creato con gli occhi dello stupore infinito e riconoscente. Gli occhi. Quelli delle nostre mamme. Quelli che per primi hanno visto la luce dell’universo. Ti prego Gesù Bambino, non farmeli più vedere velati di mestizia e di rassegnazione. Uno sguardo che di tanto in tanto si appanna e si disorienta e impaurito cerca le pagine di un nuovo capitolo per riprendere a comprendere il significato di ciò che è scritto. Si, perché solo tu sai come andrà a finire la nostra storia, noi non possiamo fare altro che affidarci a te e alla tua purezza.

Caro Gesù Bambino, ridona luce ai nostri papà che un tempo erano forti come leoni e oggi sembrano cuccioli che hanno smarrito la loro mamma. Restituiscigli la forza di un tempo, quella che serve loro per entrare in un nuovo luogo della vita. Le loro spalle si sono incurvate, come se la porta per entrare in questa nuova casa sia troppo stretta e loro facciano fatica a passarvi. Aiutali per favore ad dischiudere il loro plesso solare così che l’orizzonte si apra ampio e luminoso e loro non debbano più provare fatica nel varcare la soglia della nuova era.

Caro Gesù Bambino, ti prego di continuare a volgere il tuo sguardo docile e amabile verso tutti i bambini del mondo. Proteggili dalla barbarie di questo tempo incivile e bruto, avvolgili nel tuo abbraccio salvifico e fa che il loro cammino sia lucente come la scia della stella che conduce a te. Proteggi i loro sogni e fa che nessuno più tradisca la loro immensa bontà. I loro sorrisi sono come raggi di sole, colpiscono in profondità fino a farti bruciare gli occhi. Fa che nessuno oscuri mai più questa luce.

Caro Gesù Bambino, fai sentire le tue braccia morbide intorno al collo delle persone che temono di aver perso la fiducia verso il proprio sentire. Spalancagli le orecchie del cuore e rassicurale sui passi da compiere. Porgigli la tua guancia paffuta e lasciagli affondare tutto il loro essere dimentichi delle cose brutte del mondo. Dai loro la tua piccola manina, si sentiranno sicuri nella tua stretta, e conducili lungo il sentiero che solo tu conosci.gesu 2

Caro Gesù Bambino io ti prometto di continuare ad usare i miei occhi per camminare nella bellezza che avvolge il creato per coglierne i rapimenti e rinnovarne le emozioni. “Non vivere invano la tua vita”, ce lo ha comandato Dio, e quando al tramonto del sole io mi fermo a piangere di fronte allo struggente spettacolo del cielo che muta colore, il buio annuncia l’inizio di una nuova raffigurazione: il sorgere delle stelle. Io mi incanto a fissarle. Sono come le tue parole, Signore, esse non tramontano mai.

Eva Bonitatibus  

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 427 volte
Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGO B 2 1