logo2017

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore

 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 588

dialogare 1

Oltre a curare disturbi d'ansia, depressivi e del comportamento alimentare, il libro può curare i casi di dipendenze, di patologie psichiatriche, oncologiche, neurologiche, fino al trattamento del bullismo.

e-max.it: your social media marketing partner

Anni fa lessi una citazione che recitava: “Se vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo, uno di questi ci avrai azzeccato”. Mi fece una grande impressione, e da quel momento, ogni giorno mi guardavo allo specchio e mi chiedevo: “Se oggi fosse l’ultimo giorno della mia vita, vorrei fare quello che sto per fare oggi?” E ogni volta la mia risposta era un NO!

e-max.it: your social media marketing partner

osservare 1

Si direbbe che non esista più nulla, nell’epoca dei nuovi media, che l’uomo non abbia visto e che ogni immagine del mondo, sia essa “naturale” o “artificiale”, non è altro che una costruzione e una realtà scaturita progressivamente dalla nostra percezione che si muove all’interno di determinati limiti. Il mondo, indipendentemente dal fatto che sia rappresentato in una fotografia, nella coscienza umana, o su una tela, non è altro che una costruzione.

e-max.it: your social media marketing partner

investire 1

Al Museo Archeologico Provinciale Michele Lacava di Potenza è visitabile la mostra Dal paesaggio ideale al pittoresco della collezione di Camillo d’Errico fino al prossimo mese di ottobre. L’esposizione costituisce la prima ricognizione organica sulla raccolta di paesaggi allestita dal celebre amatore lucano vissuto nella seconda metà del XIX secolo a Palazzo San Gervaso, in provincia di Potenza.

e-max.it: your social media marketing partner

IlPescatore

".....se l'eccedenza e' triste

Il poco a volte

E' straordinario...."

(Il bene - Renga)

 

 

Francesca Soloperto

e-max.it: your social media marketing partner

Ammirar(si) è il titolo della fotografia che la nostra redazione ha selezionato per la nuova uscita della rivista. L’autrice è una giovane studentessa, Mariaclaudia Benedetto, catturata dall’immagine che ritrae l’ascesa politica delle classi popolari e il nuovo peso acquisito nella società moderna. L’idea di compattezza e di unione espresso dal famoso “Il quarto stato” di Pellizza pare essere l’invito a ritrovare quell’unità di intenti per contribuire alla crescita dell’umanità.

e-max.it: your social media marketing partner

editoriale 1

Avevo pensato di scrivere un editoriale diverso da quello che poi ho stilato. Volevo raccontarvi della soddisfazione di questo secondo anno di vita della rivista, dell’aumento vertiginoso delle visualizzazioni (oltre 3 milioni), dei nuovi contatti conquistati, dei numerosi argomenti trattati, della nascita di nuove rubriche, dell’evoluzione del nostro progetto, della nuova veste grafica. Volevo raccontarvi di come questa esperienza abbia contribuito a cementare l’amicizia tra i componenti della redazione, di come abbia aiutato ciascuno di noi a crescere emotivamente e professionalmente. Volevo raccontarvi ciò che si prova a veder crescere la propria creatura, giorno per giorno, dai primi suoni incerti ai primi timidi passi, e della tenacia che si deve avere per aspettare che, una volta adulta, la creatura impari a muoversi da sola. Ecco, stavo per scrivere di questo e dell’estate che ci aspetta con i suoi festival e le sue rassegne. Dell’imbarazzo della scelta nell’individuare luoghi ed eventi dove trascorrere ore piacevoli ed interessanti. E mi volevo accomiatare dai nostri lettori, prima della pausa agostana che riguarderà anche la redazione di goccedautore.it, augurando loro un’estate ricca di letture, di musica e di arte.

Ma poi sono piovute le drammatiche notizie. Ed è lutto. E’ morte. Non posso, non riesco, non mi va di offendere in alcuna misura la memoria delle vittime cadute in questi giorni né dei loro familiari, ai quali nessuna parola più potrà assorbire il dolore che ha squarciato per sempre le loro vite. Man mano che passano le ore sentiamo il macabro aggiornamento sul numero dei cadaveri e dei feriti rinvenuti nelle stragi di Andria e di Nizza. Tra loro tanti bambini, povere creature innocenti che le loro mamme e i loro papà non potranno più veder crescere. Neanche più sognare. Perché la crudeltà uccide anche i sogni.

Chi lo dice ora a quelle mamme che è finito per loro il tempo di lamentarsi perché i loro piccoli non vogliono lavarsi i denti, o fanno i capricci perché vogliono guardare ancora un po’ di televisione, o si rifiutano di fare i compiti, o fingono un mal di pancia perché non hanno voglia di andare a scuola? Chi dirà a queste mamme che per loro è finito il tempo di stancarsi a lavare i grembiulini da cui i colori non vanno più via, di fare le corse la mattina per accompagnarli in orario alle lezioni, di scappare a preparare il pranzo per far trovare già tutto pronto, di lambiccarsi il cervello per far trovare loro il piatto preferito? E chi dirà a queste povere Madonne di non perdere più il sonno quando ai loro piccoli non scende la febbre e hanno le guance bollenti, o sono sconfortati perché i loro compagni li hanno presi di mira e si sentono esclusi da tutti e non vogliono più uscire? Chi dirà a queste mamme che l’ultimo compleanno che hanno festeggiato era davvero l’ultimo?

E ai papà chi avrà il coraggio di dire che è inutile aspettare, non potranno mai più diventare i confidenti dei loro figli, né potranno compiacersi dei primi baffetti sotto il naso, né della voce che avranno a 14 anni? Ai papà chi comunicherà che la casa che hanno acquistato con un mutuo di trent’anni non andrà al figlio ormai morto? O che non potrà più essere il custode dei suoi segreti? Chi dirà ai papà che è inutile continuare a mettere da parte i suoi risparmi, tanto non potrà più acquistargli il primo motorino o la prima macchina?

Faccio appello a tutti noi. Non possiamo fare molto, lo so, non possiamo far tornare indietro le lancette dell’orologio per avvisare queste mamme e questi papà di andare lontano con i loro figli dal luogo della tragedia. Non possiamo riportare in vita queste meravigliose creature spazzate via dalla follia e dalla incuria. Possiamo forse fare una preghiera, non so, perché il dolore di questi genitori si affievolisca col tempo, perché trovino una nuova ragione di vita, perché i loro angeli li proteggano dal luogo in cui ora si trovano. “Non vivere invano la tua vita”, ce lo comanda Dio e per chi non è cattolico cristiano il dettame ha senso comunque. Cari e dolci mamme e papà, una volta scrivendo una preghiera a Gesù Bambino dissi: “il buio annuncia l’inizio di una nuova raffigurazione: il sorgere delle stelle. Io mi incanto a fissarle. Sono come le tue parole, Signore, esse non tramontano mai”. Ci rivediamo a settembre.

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner

 bruno martino

Immagini floreali e d’amore.

e-max.it: your social media marketing partner

FullSizeRenderComplici i pomeriggi quasi autunnali che s’aprono d’improvviso in questa estate, mi ritrovo a sfogliare senz’ordine libri diversi, attingendone da disparate pile nel mio studio. Sfogliare senza davvero leggere, in maniera consapevole, intendo, lasciando che la mente goda della sua ora d’aria, senza ancora riuscire a immaginarmi di che scrivere, ad esempio.

e-max.it: your social media marketing partner

tarzan

Lord Greystoke vive a Londra, nell'elegante dimora di famiglia, con la moglie Jane. Quando il governo lo invita a tornare in Congo, rifiuta: Tarzan, dice, non c'è più. Il suo nome, ora, è John Clayton III. Saranno le pressioni dell'afroamericano George Washington Williams, deciso a provare la colpevolezza del Belgio in materia di schiavitù, e la richiesta di Jane, a farlo decidere per un ripensamento. In Africa, lo aspettano gli amici animali, ma anche vecchi e nuovi nemici.

startrek

Tredicesimo capitolo della saga di Star Trek, il film di Justin Lin (già regista di diversi capitoli di Fast&Furious) può essere considerato il sequel di Into Darkness - Star Trek, arrivato al cinema nel 2013 e diretto da J.J. Abrams - qui nel ruolo di produttore.Star Trek Beyond trae ispirazione dalla celebre serie fantascientifica televisiva ideata da Gene Roddenberry a metà degli anni Sessanta e arriva in sala in occasione del cinquantesimo anniversario della prima puntata. La colonna sonora è firmata da Michael Giacchino. Nel cast, insieme ad alcuni punti fermi come Chris Pine, Zoe Saldana, Karl Urban, Zachary Quinto e Simon Pegg, troviamo anche un interprete di spessore come Idris Elba.

 

gosbaster

Abby ed Erin sono una coppia di scrittrici semi sconosciute che decidono di pubblicare un libro sui fantasmi. La loro tesi consiste nell'affermare che questi sono assolutamente reali. Tempo dopo Erin ottiene un prestigioso incarico come docente della Columbia University. Quando il libro sugli spettri, ormai dimenticato, ricompare, diventerà lo zimbello della facoltà e sarà costretta a lasciare il lavoro. La sua credibilità è persa ed Erin decide a quel punto di riunirsi ad Abby aprendo una ditta di acchiappafantasmi. Scelta che si rivela vincente: Manhattan è invasa da una nuova ondata di spettri e non ci sarà altro da fare per il team che dargli la caccia.

e-max.it: your social media marketing partner

LOGO B 2 1