logo2017

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

LOGO B 2 1

Lunedì, 06 Novembre 2017 14:37

Lo spazio, il tempo e la parola

Scritto da 

editoriale parolaetempo

“Hanno detto che i grandi eventi dell’umanità hanno sede nello spirito”- suggerisce uno sfrenato esteta, Wilde, nel suo capolavoro “Il ritratto di Dorian Gray”.

Sarà che oggi non è più consentito, sarà che si introietta davvero poco, sarà che ogni visione si sostanzia all’esterno e si depriva di un valore, il suo, quello dell’origine, della gener-azione.

Una osservazione che nasce dal silenzio, quello contemplativo, ci dona molto più tempo, e racchiude uno spazio.

Un intervallo (di materia e di molecola d’istanti) che è bello, di quella Bellezza che è figlia/madre del genio. Della luce. E della gioia.

Dei sogni di parola.

Cosa c’è di più affascinante di una parola?

Persino di una parola pensata e non pronunciata?

Urlata o custodita che sia, costituisce un monumento ai pensieri.

E se vogliamo, alle esperienze.

Quegli inattesi, cieli di minuti, che determinano le facce delle nostre esistenze; che ci fanno prodighi o aridi, artisti o insensibili, brillanti o banali.

Che sia degli adulatori o dei ladri di lune, le parole, con la loro eleganza formale, con la loro libertà tagliente, con la loro verità sensuale sono stoffa degli ingegnosi meccanismi di senso.

Sono padrone assolute dei tormenti, delle indifferenze e delle inutili sovrastrutture con cui gli uomini si arrovellano.

Sono le stesse, infine, che generano i segreti dell’arte.

Che custodiscono il “pneuma” di un’armonia.

Che osserviamo attoniti, in una notte qualsiasi di una sera d’autunno piena d’amore.

Buona lettura.

 Virginia Cortese

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 406 volte
Virginia Cortese

Giornalista pubblicista

Appassionata e onnivora lettrice

Considero i libri come finestre sulla vita, da aprire costantemente per imparare come comportarsi sulle strade del mondo.

I miei libri guida sono La Nausea di Sartre, Amore Liquido di Bauman e Il Libro del riso e dell’oblio di Kundera.

Mi piace contemplare e vivere il Bello, perché sono convinta che sia davvero l’antidoto al male. Adoro l’arte, la corrente espressionistica è senza dubbio quella che mi rappresenta in modo totale, il mio quadro del cuore è Notte Stellata sul Rodano di Van Gogh.

Una visione romantica e di prospettiva sulle cose non può esulare dal ri-conoscersi in un’opera lirica, la mia è La Bohème di Puccini.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore