logo2017

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

LOGO B 2 1

Lunedì, 07 Novembre 2016 09:54

E’ meglio il libro!

Scritto da 

Editoriale e meglio il libro

Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura. (Pier Paolo Pasolini)

 Mondi di carta colmi di sostanza che racchiudono l’essenza pulsante della vita. La citazione di Pier Paolo Pasolini sostiene la teoria dei mondi di carta che avvolge intere generazioni di lettori, incapaci di vivere al di fuori della dimensione letteraria. Quell’esperienza speciale che è la cultura si forma proprio lì dentro, in quelle pagine ghiotte di altre vite da cui attingere per imparare a stare al mondo. Viaggi avventurosi, nuove civiltà, tante culture, personaggi straordinari sono orizzonti irrinunciabili e tappe fondamentali per ognuno di noi. Ed è così che questa straordinaria esperienza del viaggio attraverso le pagine della letteratura ci ha portati a condividere la bellezza delle storie con i giovani studenti delle scuole superiori in occasione di Libriamoci, le Giornate di lettura nelle scuole indetta dal Miur. Evento che per il terzo anno consecutivo ci ha visto tra i banchi di scuola e in libreria a leggere e ad ascoltare le parole contenute nei libri.

Con Il paese dei segreti addii di Mimmo Sammartino siamo entrati nelle aule dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato “G. Giorgi” di Potenza a raccontare la storia che si inerpica sul crinale dell’Appennino e finisce nelle case di un piccolo paesino popolato da pochi e stravaganti personaggi. Un libro che si inserisce nel filone del realismo magico in cui tradizione, leggenda e storia si mescolano sapientemente dando vita ad un racconto che affascina e rapisce. E gli studenti, che hanno letto con attenzione il romanzo, hanno risposto formulando domande ed esponendo curiosità all’autore che colpito da tanta attenzione ha dialogato con loro con grande soddisfazione ed entusiasmo.

Analogo atteggiamento hanno avuto gli studenti di una prima classe dell’Istituto Alberghiero “Di Pasca” di Potenza che hanno visitato la libreria Mondadori e sfogliato tutti i libri di loro interesse. Seduti nella sala del Circolo culturale Gocce d’autore hanno condiviso le loro scelte leggendo a voce alta alcuni passi. Un gioco letterario li ha poi coinvolti unendo i titoli dei libri per dar vita ad una frase di senso compiuto. Spazio alla fantasia e infine in premio un libro alla frase più bella votata dagli stessi studenti.  

E poi siamo ancora entrati in altre storie, quelle raccontate da don Marcello Cozzi nella sua nuova pubblicazione intitolata Ho incontrato Caino. Pentiti. Storie e tormenti di vita confiscate alle mafie. Sei racconti di sei pentiti di mafia incontrati da don Marcello nelle carceri di massima sicurezza e in luoghi segreti. Un libro che è un percorso nella fede e nella psicologia dei personaggi, protagonisti di efferati crimini, in un’Italia squarciata dal malaffare e dai poteri forti in cui alcuni valori sembrano non vacillare mai.

E poi abbiamo ascoltato la storia di un sindaco alle prese con la gestione di una grande città, la più importante del mondo, Roma. Gianni Alemanno ha raccontato la sua esperienza in Verità capitale, una sorta di manuale per amministratori pubblici. Un libro che colpisce per l’atto di accusa che Alemanno compie verso sé stesso e verso i propri alleati accusati di tradimento ma anche nei confronti degli avversari che hanno demonizzato il su operato.

Molti anni fa una rivista americana pubblicò una vignetta umoristica in cui si vedevano due capre. Una divorava metri di pellicola cinematografica, e l'altra si sgranocchiava il volume da cui era stato tratto il film. E quest'ultima diceva: «È meglio il libro!»

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 746 volte
Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore