logo2017

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

 
Domenica, 13 Settembre 2015 15:23

Universosud: produrre libri buoni

Scritto da 

dialogare 1

“Si legge ancora troppo poco e soprattutto si è troppo distratti”. Non è una massima di questi giorni, ma la riflessione espressa da Antonio Candela, dinamico editore lucano, parlando di libri e soprattutto della sua casa editrice. Universosud, la giovanissima realtà imprenditoriale che ha sede a Potenza, si caratterizza per vivacità e freschezza, soprattutto quella dei suoi giovani dipendenti, tutti di età compresa tra i 22 ai 35 anni. La passione per la terra d’origine, la Basilicata, e la voglia di contribuire alla crescita economica culturale e sociale del territorio, sono gli obiettivi dell’azienda che opera scelte editoriali oculate. Ma che soprattutto lancia una sfida al resto del paese: anche al Sud si può. Vediamo come nell’intervista che ci ha rilasciato Candela, presidente del Cda Universosud società cooperativa.

Quando e come nasce la casa editrice Universosud?

La casa editrice nasce nella primavera del 2014. Il come è un po’ più complicato da dire. Diciamo che come azienda sentivamo l'esigenza di spendere e dedicare tempo ad un progetto culturale ancorché economico, che potesse contribuire e dare la possibilità a talenti del nostro territorio di potersi esprimere.

Quali sono le sue linee editoriali?

Le linee editoriali sono semplici: scovare talenti e dargli una possibilità, a prescindere dal tema.

Quali sono i rapporti con gli scrittori?

Il rapporto con i nostri scrittori e con chiunque scelga noi nel sottoporci un proprio lavoro è umano ancor prima che professionale. Cerchiamo di parlare molto e spesso con gli autori, per capire la voglia, l'energia, la passione e soprattutto l'aspettativa sul proprio progetto. Senza di esse è difficile costruire un percorso comune.

E con le librerie? Quale distribuzione è assicurata?

Credo abbastanza buono. A Potenza tutte le librerie hanno accettato e sostenuto i nostri progetti editoriali. E lo stesso vale per le molte librerie sparse sul territorio nazionale che di tanto in tanto ci chiedono di acquistare libri editati per i propri clienti. Diversa è la distribuzione: siamo presenti sia a Potenza che a Matera, nelle librerie e nelle nostre sedi, ma abbiamo scelto di non affidarci ai distributori i quali, spesso, fanno la fortuna e sfortuna di un testo. Nell'era della tecnologia, ognuno può raccogliere o leggere libri e se ne ha voglia comprarne. Tutto sta nel come si promuove un libro. I nostri libri sono acquistabili da tutti sul nostro e-commerce editriceuniversosud.it, pertanto chi vuole può in 48 ore ricevere il libro senza costi aggiuntivi sulla copertina.

dialogare 2Lettura digitale e lettura tradizionale come si coniugano?

Il digitale ha avuto un’evoluzione esponenziale anche se oggi frenano sia le vendite che la diffusione. Vero: in un piccolo supporto si posso portare migliaia di testi e questo lo rende molto pratico e comodo, ma credo che un libro vada prima ancora che letto, toccato, odorato, siamo legati all'aspetto romantico della carte e del libro. Credo che il digitale sia uno strumento pratico e da utilizzare, magari per avere delle anteprima sul testo  o leggerne i primi capitoli per capirne il contenuto, ma la carta rimane la carta.

Una giovane casa editrice quali prospettive ha nei confronti del mercato editoriale nazionale ed internazionale?

Beh, ancora troppo presto per dirlo, troppa poca l'esperienza per immaginare prospettive a livello nazionale o internazionale. A noi basta fare buoni libri, dare spazio a talenti per costruire un’opportunità e questo ci basta. Abbiamo molto da imparare e da apprendere, per cui testa bassa e vediamo cosa succede. Una cosa va detta però: tocca a tutti noi sostenere con l'acquisto o la presenza, sostenere i talenti del nostro territorio e del nostro paese. Si legge ancora troppo poco e soprattutto si è troppo distratti. Per avere coraggio bisogna darne coraggio.

Quali sono i progetti nell'immediato futuro?

Per il futuro in questo momento abbiamo 15 opere in valutazione di cui 2 progetti molto importanti: uno riguarda il libro di "53" di Beatrice Viggiani e Vito Riviello ristampato dialog 3 quest'anno dopo 53 anni e che sta ottenendo numerosi risultati e sul quale ci sarà nell'autunno un evento dedicato. Il secondo vedrà la luce nella primavera del 2016 e tratterà dei riti arborei in Basilicata. Nei prossimi 2 mesi programmeremo molto del prossimo anno. Quello che posso garantire e che ci saranno tante novità per il prossimo anno.

La più grande sfida?

Riuscire a produrre buoni libri e dare un opportunità ai tanti talenti che il nostro territorio ha. Questa è la sfida, dare fiducia e costruire processi di cambiamento sociale e culturale del territorio. Se riusciamo nella metà delle cose dette fin ad ora, certamente ci possiamo sentire e ritenere ampiamente soddisfatti.

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 259 volte
Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGO B 2 1