logo2017

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore

Commenta gli Articoli di Gocce!!!

Finalmente puoi commentare gli articoli di Goccedautore.it. Devi semplicemnte registrarti !!!

 
Martedì, 27 Settembre 2016 20:00

Patrimonio: è questione di rispetto

Scritto da 

cultura 1

Rispetto. Le Giornate europee del patrimonio servono proprio a riflettere sul significato di questa parola. Il rispetto è quell’azione sacra che consente agli uomini di essere immortali.

E di essere ricordati per sempre. Il loro lascito è quell’insieme di edifici e monumenti che consentono agli uomini di oggi di studiarne il pensiero per comprendere meglio l’evoluzione dell’intera società. Senza di quei mattoni messi l’uno sull’altro a rappresentare una civiltà, difficilmente riusciremo ad interpretare i segni della storia. E forse il senso di queste Giornate risiede proprio in questa verità: il patrimonio architettonico e culturale è rappresentato dalle testimonianze della nostra storia, raccontata dagli angoli e dai luoghi delle nostre città.Testimonianze che non dovrebbero essere violate nel tempo affinché continuino a raccontarci le memorie di un passato che non c’è più. Anche a Potenza si sono celebrate le Giornate europee del patrimonio e noi di Gocce d’autore siamo stati invitati ad allestire un programma musicale ed artistico per la serata del 24 settembre nella Sala del Cortile del Museo nazionale archeologico “Dinu Adamestanu”. La performance ha coinvolto i 20 giovani musicisti dell’Orchestra di violoncelli “Cellofun” diretta dal M° Vito Stano con un repertorio che ha spaziato dal Rinascimento ai giorni nostri.

cultura 2 cultura 3 cultura 4

Si è poi esibito il Quintetto Chatting jazz con Serena Lotito voce, Toni De Giorgi, pianoforte, Giuseppe Romaniello, sax, Bruno Pace, contrabbasso, Antonello Ruggiero, batteria, che hanno proposto standard e brani tra i più belli della storia del jazz. Un contrasto tra l’antichità del luogo e la modernità della musica molto suggestivo e perciò apprezzato dal pubblico che ha affollato la sala. Durante le tre ore di musica gli artisti Pasquale Palese e Enzo Bomba hanno realizzato due quadri in estemporanea, ciascuno dedicato al tema del patrimonio. L’opera di Palese, un angolo del centro storico della città capoluogo della Basilicata, Porta San Luca, ha voluto rimarcare il concetto dell’inviolabilità dell’architettura antica contro la frenesia della modernità. “Ho dipinto questo quadro con il cuore, ha detto l’artista potentino, ferito dalla bruttura e dalla deturpazione di un elemento moderno che ne offende la bellezza.”  Ai piedi dell’antica porta di accesso alla città di Potenza hanno di recente allocato una pensilina di ferro che ne copre la visuale, alterandone irrimediabilmente il paesaggio. “Al posto del ferrame oggi presente ho dipinto un alberello, simbolo e auspicio di una crescita culturale univoca atta a rispettare il patrimonio storico e a rispettare la nostra città”, ha proseguito Palese. Un esempio da cui trarre spunto affinché lo spirito di conservazione del patrimonio, e non di distruzione, preservi l’intero patrimonio e lo consegni intatto alle future generazioni.

Eva Bonitatibus

e-max.it: your social media marketing partner
Letto 1829 volte
Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGO B 2 1