Dec 08, 2022 Last Updated 3:12 PM, Nov 24, 2022
Rocco Infantino

Rocco Infantino

Giornalista pubblicista, batterista sconveniente.

Leggo. Mi incuriosisce la fisica quantistica. Mi piace il jazz. Scrivo in privato, uso il Garamond. Credo nella sezione aurea, nell’entanglement, nel dualismo onda particella. Preferisco i film francesi, i cibi semplici, le persone semplici, i problemi semplici.

Il mio orario del cuore sono le cinque e venti. Detesto usare Domodossola nel gioco “Nomi, cose, città” e vivrei volentieri a Londra, Parigi e Roma, come la maggior parte delle vallette degli illusionisti. Fin da ragazzo ho l’età che descrive J. L. Borges in Limites. Se non svolgessi un lavoro in ambito giuridico legale, probabilmente avrei voluto essere quello che fischia nella canzone Lovely head dei Goldfrapp.

scrivere 1

Non leggo narrativa dal venti febbraio duemilasei. Da allora mi nutro soltanto di saggi, le eccezioni sono state rare, rarissime.  

Etichettato sotto

editoriale

Due piccoli pomeriggi torinesi liberano scampoli di tempo da impegni di lavoro. Illudendomi di riuscirci, nella complessità data dagli orari, dal caldo improvviso e deciso e dalla mia indole profondamente meridionale che mi spingerebbe verso l’immobilità contemplativa, mi guardo intorno. Tra le mille, colgo alcune interessanti prospettive.

Etichettato sotto

scrivere 1

In fatto di paragoni sbagliati, se fosse questa una rubrica di vini, ben si comprenderebbe, di quando in quando, qualche articolo sui bicchieri.

Etichettato sotto

FullSizeRender

Spesso si ha come l’impressione che tutto accada molto rapidamente, troppo semplicemente, senza nessun motivo plausibile e senza alcun significato vero. In diversi casi sembra quasi che la causa preceda l’effetto per pura provvidenziale avventura.

Etichettato sotto

primomaggio

Posto che per mio limite non mi riesce di stabilire quand’è che sia cessata ogni forma di occupazione, tale da potersi considerare il popolo e la nazione effettivamente sovrani nelle proprie scelte, tra le due recenti trascorse ricorrenze del venticinque aprile e del primo maggio, ecco che mi veniva più facile qualche riflessione sull’ultima. E comunque, il tempo gioiosamente liberato dalla giornata non lavorativa, volentieri l’ho speso nella lettura/rilettura di un paio di volumi che sono ormai come dei classici.

Etichettato sotto

Numero 100

 

Puoi acquistare la copia

cartacea di Goccedautore.it

presso il circolo Culturale di Gocce d'autore

n100

copertina

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600