Dec 07, 2021 Last Updated 7:57 AM, Dec 1, 2021
Toni De Giorgi

Toni De Giorgi

“Prendete la vita con leggerezza, ché leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

(Italo Calvino)

Sfioro la vita con le mani.

Una leggerezza impalpabile che mi dà forza.

Per non rimanere con un pugno di sabbia tra le dita.

Toni de Giorgi

Etichettato sotto

«Un minuto di primavera
dura spesso più a lungo
di un’ora di dicembre

Etichettato sotto

Mappature Musicali

Etichettato sotto

Percorsi. E penso alla vita, a quella fatta di viaggi, cammini, strade, sentieri. Solchi e tracciati lungo i quali si scompaginano le nostre emozioni. La nostra è una vita perennemente in viaggio, si muove tra esperienze, sentimenti, illusioni, speranze e mai come in questo momento è un alternarsi di stati d’animo, di alti e di bassi, di note acute e di note profonde. Musicalmente parlando, penso di poter esprimere questo concetto usando la scala maggiore: una successione di 8 note disposte in ordine consecutivo, in cui l’ultima è la ripetizione della prima. Una partenza, dunque, e un ritorno. Un percorso che nasce da un punto e torna esattamente alla sua origine.

“Route 66”, brano musicale composto nel 1946 da Bobby Troup ed inciso per la prima volta da Nat King Cole, parla di viaggio, “Travel my way”, viaggia a modo mio e prendi l’autostrada che è la migliore, dice. Una canzone nata in auto, guidando dalla Pennsylvania alla California per dieci giorni lungo la Route 66. Storie di vite che si intrecciano alla storia della musica e alle singole canzoni, alle loro parole cariche di significato.

Il poeta Piere Joris scrive: “se ritorni, riporta il cammino con te”. Ecco, la parola “percorsi”, il suo significato, lo attribuisco ad un viaggio intimo di andata e ritorno, ciclico, come il giorno che torna dopo la notte. Ciclico come l’alternarsi dei mesi e delle stagioni. Ciclico come la terra che gira intorno al sole. E girando, rifà il cammino che dalla radice va alla spiga e poi dalla spiga torna alla radice. Penso anche a quei percorsi quelli che aiutano la nostra mente ad essere sempre giovane e a non invecchiare mai.

La canzone "Take Me Home, Country Roads" del cantautore americano John Denver parla di strade di campagna di casa, di luoghi di appartenenza, di terra natale. Una delle canzoni country per eccellenza da ascoltare in viaggio, sia che stiate andando realmente verso casa oppure no. Un pezzo storico degli anni ‘70 che riporta alla mente percorsi che si inerpicano, sentieri polverosi, natura bucolica e la felicità del ritorno.

Bisogna sempre scavare in fondo ai percorsi, ai nostri percorsi, in qualsiasi punto della nostra vita ci troviamo. È un modo per riabilitare i nostri ricordi, per affrontare nuove vie, per intraprendere nuovi viaggi e nuovi luoghi da esplorare, ma pensando sempre al ritorno, al punto in cui si è partiti. Quei percorsi che ci fanno emozionare. I percorsi dell’Arte ad esempio, sono quelli che mi hanno aiutato a stabilire un punto fisso importante in cui credere, che mi aiutasse a capire, che mi sospingesse a partire indicando la giusta strada da percorrere. Il mio percorso di vita è la musica, l’ho deciso da quando ero solo un bambino. È stata quella che mi ha insegnato la strada giusta, che non ho mai abbandonato e lungo la quale continuo a camminare.

In conclusione, termino questo percorso di parole e musica con un brano che amo particolarmente, “Sweet home Alabama” di Lynyrd Skynyrd, dove si parla di dolce casa, degli Swampers che “mi tirano su il morale quando mi sento giù”. Una delle canzoni on the road per eccellenza, anche questa degli anni ‘70. Un particolare sapore nostalgico che ci invita a socchiudere gli occhi, a poggiare i piedi sul tavolino del soggiorno, a reclinare la testa e a sognare ritorni. Magari sorseggiando dell’ottimo Rum. E ritornando alla vita che tanto ci manca. Un dolce ritorno a casa.

Buon ascolto!

Toni de Giorgi

Etichettato sotto

Pensava il grande Aristotele che la meraviglia, è l'origine della filosofia, ovvero della ricerca disinteressata di sapere.

È meraviglia ascoltare la voce della gente, scoprire nuovi orizzonti, amare, voler bene. È meraviglia avere un punto di riferimento nella propria vita. È meraviglia per me aggrapparmi alla vita scoprendo un interesse sfacciato per l'arte, nel mio caso la musica.

Etichettato sotto

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600