Dec 07, 2021 Last Updated 7:57 AM, Dec 1, 2021

“Vedo il mondo con le mani” l’opera prima di Marco Rafaniello

Pubblicato in Eventi
Letto 1193 volte

“Vedo il mondo con le mani” è il titolo del libro di Marco Rafaniello, vicepresidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – sezione provinciale di Potenza, edito dalla casa editrice potentina Universosud. Un’opera prima che narra in maniera corale la sua parabola da vedente a non vedente. Una storia dolorosa ma ricca di speranza raccontata in prima persona dall’autore che non risparmia al lettore i momenti bui e tristi, come quelli luminosi e gioiosi, della sua personale vicenda.  Alle sue parole fanno da controcanto quelle dei suoi genitori, mamma Adele e papà Carlo, quelle dei parenti, la zia Claudia e le cugine Sara e Giulia, quelle degli amici Carmen, Lucia e Maria Rosaria, quelle delle persone che hanno condiviso tratti della sua vita. E poi quelle messe in musica dal fratello Luciano, una dedica delicata, che hanno dato il titolo alla pubblicazione.  

 

Marco Rafaniello decide di mettere nero su bianco la sua storia perché sia d’esempio a chi ha perso la speranza. Nato il 21 luglio, in piena estate, Marco non ha mai smesso di portare il sole dentro, né di farlo brillare. Nasce e rinasce alla vita grazie al percorso di fede compiuto dentro di sé e grazie al supporto di chi lo ha amato. E lo ama ancora. Nelle sue parole si legge la disperazione ma mai la rassegnazione. Un ragazzo che ha imparato presto il significato del termine resilienza perché ha saputo ricostruirsi di fronte a quelle che parevano macerie. “Da questo spicchio di mondo che ho imparato ad abitare ho sviluppato il mio angolo di visione, che anche quando si è oscurato, non mi ha mai rifiutato” scrive alla fine del libro.   

Una lezione importante in cui invita a non scoraggiarsi di fronte alle difficoltà. Abbattere i muri invece sì, quelli che si ergono nelle menti delle persone e che impediscono il progredire dell’umanità. Marco ha sempre teso la mano a quanti ne avevano bisogno impegnandosi nel volontariato, non ha mai considerato il suo un problema invalidante. Al contrario, la sua disabilità l’ha trasformata in nuova abilità messa a disposizione degli altri, come scrive nella postfazione la giornalista Eva Bonitatibus che ha curato il libro. Vedo il mondo con le mani non è solo un libro ma segna l’inizio di una nuova stagione: guardare con l’anima e non con gli occhi.

La presentazione del volume avverrà mercoledì 21 luglio alle 19,00 nello spazio ApertaMente del Parco Baden Powell a Potenza. Interverranno, oltre all’autore, il sindaco della città Mario Guarente, l’assessore comunale alle Pari Opportunità Vittoria Rotunno, l’editore Antonio Candela, la presidente regionale UICI Maria Buoncristiano, il presidente di Magazzini Sociali Francesco Romagnano, gli attori Isabella Urbano e Giovanni Giuliano, i ballerini di tango terapia Paolo Ciano e Marianna Pietrafesa, i musicisti Nura Spinazzola e Toni de Giorgi. L’incontro sarà moderato da Eva Bonitatibus.

Eva Bonitatibus

Eva Bonitatibus

Giornalista pubblicista

I libri sono la mia perdizione. Amo ascoltare le storie e amo scriverle. Ma il mio sguardo curioso si rivolge ovunque, purché attinga bellezza e raffinatezza.

La musica è il mio alveo, l’arte la mia prospettiva, la danza il mio riferimento. Inguaribile sognatrice, penso ancora che arriverà un domani…

Lascia un commento

Assicurati di inserire le (*) informazioni richieste dove indicato

Cercaci su Facebook

Gli ultimi articoli

s l1600