logo2017

 

LOGO B 2 1

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 905
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 588

Racconti Inediti

raccontiinediti 1

Nel numero 50 della rivista dedichiamo la rubrica dei Racconti inediti ad un progetto molto interessante ideato e realizzato da un gruppo di studenti del dipartimento di Scienze Umane dell'Università degli studi della Basilicata.

e-max.it: your social media marketing partner

racconti 1

Cassetto chiuso, serratura bloccata

Cerco qualcosa, un vecchio regalo

Un dono di una donna forse amata

un gemello da polso, un regalo

 

e-max.it: your social media marketing partner

Raccontinediti 1

Pubblichiamo la poesia che un caro amico di Gocce d’autore, l’artista  di Potenza Lucio Rofrano, ha composto e dedicato ai soci fondatori del Circolo culturale Eva Bonitatibus, Antonio De Giorgi e Pasquale Palese. Grazie Lucio!

e-max.it: your social media marketing partner

Racc inediti

Pubblichiamo il racconto inedito di Carmen Cangi scritto nell’ambito del laboratorio di scrittura “La Bottega dello Scrittore”, tenuto dall’insegnante Luciana Gallo Moles ed organizzato dal Circolo culturale Gocce d’autore. Il racconto sviluppa il tema: “impara ad ascoltare”.

e-max.it: your social media marketing partner

racconto 1Potrei sembrare uno stereotipo parigino e invece sono solo un vecchio professore in pensione con l’hobby dell’acquerello. Non sono un pittore di strada o un bohemièn né mi sognerei mai di esporre al giudizio altrui le mie povere tele ingenue. Insegnavo filosofia e da sempre mi interrogo sulla natura del tempo.

e-max.it: your social media marketing partner

il biglietto 1

Alberto, giovane studente, abita nei pressi del centro di una cittadina alquanto particolare. Le sue strade strette, con l’asfalto dissestato dal sale cosparso per sciogliere il ghiaccio, sono percorse da auto, pullman, camion, moto. Ogni mattina Alberto osserva attraverso i vetri ciò che accade e sorseggia il suo caffè. Ad un tratto le voci concitate attraggono la sua attenzione: sono i proprietari di mezzi che litigano per occupare i pochi parcheggi disponibili.

e-max.it: your social media marketing partner

ineditiLe sei del pomeriggio di un qualunque giorno in qualunque aprile, sono seduto al giardini del Lussemburgo, da qui vedo la Rue Palatine e il traffico che scorre, mi stringo nel mio impermeabile, più adatto a una primavera piovosa in Italia che qui a Parigi. Mi hai detto che saresti venuta con l’autobus il primo che passa è il 63, è quasi vuoto, passa veloce e non si ferma, poi passa un 87 che sfreccia verso la stazione di Mount Parnasse, e poi un 83 carico di studenti.

Un uomo spinge una carrozzina passa veloce, si affretta. Le prime gocce di pioggia cominciano a cadere, la panchina dove sono è riparata dagli alberi. La luce comincia a calare, soffia un vento moderato, a raffiche,

Mi chiedo se arriverai, se hai capito perché voglio rivederti dopo un anno, chissà forse c’è un altro e hai deciso che è meglio non venire ma almeno chiamami così posso andare in quel piccolo Bistrot di fronte, a prendere un caffè e a riscaldarmi un po’.

Suonano le campane di Saint Sulpice; il papà con la carrozzina guarda l’orologio quasi per controllare se le campane suonano all’ora giusta, e và verso il parcheggio.

Nel “Bistrot du Palatine”, entra un uomo intabarrato in un montgomery verde, si dirige verso un tavolo dove c’è un altro signore con una vecchia giacca di tweed, che lo vede, si alza e gli va incontro salutandolo cordialmente. L’uomo fa un gesto verso l’altro come per chiedergli se vuole qualcosa. L’uomo con il montgomery fa un cortese segno di diniego e indica l’orologio, l’altro si alza indossa l’impermeabile senza abbottonarlo e tutti e due vanno via nella pioggia che adesso è più forte.

Le campane non suonano più, le automobili e gli autobus cominciano ad accendere le luci.

Passa l’86, è vuoto forse sta andando al deposito.

Si ferma l’87 è pieno, la gente a quest’ora sta uscendo dagli uffici e torna a casa, scendono alcune persone, siamo al crepuscolo e piove, ma non moltissimo, solo quel che basta a rendere la scena un un po’ irreale. Dall’autobus scende un uomo con un tappeto su una spalla, sembra un nordafricano, poi vedo un impermeabile rosso e un ombrello bianco, sono sicuro, sei tu, mi alzo dalla panchina, guardo bene, ma sei tu? Faccio un gesto, tu rispondi e saluti, mi corri incontro, sto per piangere, mi abbracci, mi copri di baci il viso e poi mi fai, ma stai piangendo? E io “è la pioggia che mi bagna il viso” e lei sorridendo “mah a Parigi piove salato dunque?” Ci baciamo ancora e andiamo a ripararci davanti ad un te caldo al bistrot di fronte.

La chiesa di San Sulpice è sempre più offuscata nella luce del crepuscolo e dalla pioggia che continua a cadere sottile. Dissolvenza…

Edoardo Angrisani

e-max.it: your social media marketing partner

in viaggio

Ero di ritorno da una gita scolastica. Quella mattina avevo messo due sveglie: una alle 6:00 e l’altra alle 6:30 del mattino perché saremmo dovuti partire per le 7:30. Purtroppo non sentii nessuna delle due sveglie, colpa anche del mio compagno di stanza che le spense subito dopo. Ci precipitammo a far colazione e poi subito portammo le nostre valigie nella hall dell’albergo. Qualche minuto dopo ci dissero di salire sugli autobus e di riporre le valigie negli appositi vani.

e-max.it: your social media marketing partner

Iscriviti alla Newsletter di Gocce D'Autore